Caso fideiussione, Rende prosciolto. Penalizzazione di un punto per il Catanzaro

Ai giallorossi è stato inflitto il -1 in classifica per il ritardo nel pagamento degli stipendi ai propri tesserati sotto la gestione di Cosentino

Il Rende tira un sospiro di sollievo. Il Tribunale nazionale federale non ha infatti inflitto alcuna penalizzazione per via del questione legata alla prima fideiussione presentata all’atto della domanda di ripescaggio in Serie C. Il club biancorosso è stato prosciolto da ogni addebito. Per la presunta violazione la Procura aveva richiesto un punto di penalità e l’inibizione del legale rappresentante del club. Il Collegio giudicante ha optato per il proscioglimento sia del Rende che dia Fabio Coscarella con la formula “perché il fatto non costituisce violazione”).

Penalizzazione di un punto per il Catanzaro. Il Tribunale Federale Nazionale, presieduto da Cesare Mastrocola, ha invece inflitto un punto di penalizzazione al Catanzaro “per non aver provveduto, entro il termine del 26 giugno 2017, al pagamento degli emolumenti dovuti fino al mese di maggio 2017” ai propri tesserati. Inibito inoltre il legale rappresentante del club all’epoca dei fatti Ambra Cosentino (3 mesi).