‘Ndrangheta, Gratteri pronto a sferrare l’assalto ai clan: “In Calabria forze dell’ordine di alta qualità” (VIDEO)

Il procuratore antimafia fiducioso dopo l’arrivo di nuovi magistrati e di forze dell’ordine di altissimo profilo: “Avremo un distretto più sicuro e con risultati ancora migliori”

Nuove caserme, più personale e mezzi per la Calabria. E’ ottimista il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, da sempre in prima linea nella lotta alla ‘ndrangheta. C’era anche lui ieri all’inaugurazione della nuova sede del comando provinciale dei carabinieri di Catanzaro. L’occasione è stata quella giusta per fare il punto della situazione dopo l’arrivo in Tribunale di nuovi magistrati e l’annuncio del comandante generale dei carabinieri Tullio Del Sette dell’imminente apertura in Calabria di nuove caserme. “Il Comando Generale ha mandato qui ??colonnelli, tenenti colonnelli, capitani e marescialli di altissimo profilo. Ora il Distretto di Catanzaro è diventato affascinante – ha aggiunto – e bello anche lavorarci. Dopo una anno, stiamo cominciando a raccogliere i frutti e stiamo vedendo magistrati e forze dell’ordine chiedere di venire a lavorare nel distretto di Catanzaro. Questo è molto bello e positivo e rincuora, oltre a dare buone speranze nel pensare che avremo un distretto più sicuro e con risultati ancora migliori”.

Alta qualità. Per Gratteri la sfida resta difficile perché la lotta è contro una ‘ndrangheta che lui stesso ritiene di “Serie A”, ma adesso all’interno del distretto antimafia che annovera le province di Catanzaro, Crotone, Cosenza, Vibo più i comprensori di Lamezia e della Sibaritide, ci sono forze dell’ordine di “altissima qualità”. “La Procura – ribadisce – si è rafforzata non solo numericamente, ma anche sul piano della mentalità, quindi sono fiducioso perché il 2018 cominci a crescere anche come risultati”.