‘Ndrangheta: intercettazioni shock su Delrio e il clan di Cutro

Valter Pastena, funzionario della Ragioneria di Stato, fa riferimento ad un dossier inerente l’attuale ministro delle Infrastrutture e alcuni presunti scatti fotografici con esponenti della cosca calabrese

Rapporti tra l’attuale ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ed esponenti della ‘ndrangheta. Voci che si sono rincorse per mesi senza che mai emergesse con chiarezza in che misura l’esponente di governo fosse entrato in contatto con il clan dei “Cutresi” in Emilia Romagna. A svelare altri inquietanti dettagli sono adesso le intercettazioni scaturite dall’affaire Guidi-Gemelli. In una conversazione proprio con il compagno della ministra, Gianluca Gemelli, l’ex funzionario della Ragioneria di Stato e poi consulente del ministero dello Sviluppo economico, Valter Pastena, fa riferimento a un dossier, inerente l’attuale ministro delle Infrastrutture:  “Io ti devo parlare da vicino”, chiedeva il consulente. “Ma proprio da vicino, molto da vicino, ma tutte cose che addirittura ti puoi togliere pure qualche sfizio… ma serio ti puoi togliere qualche sfizio, eh?”. E aggiungeva: “Tieni conto che i carabinieri prima che tu venissi là, sono venuti a portarmi il regalo in ufficio, perché tu non stai attento. Hai visto il caso di Reggio Emilia? Finito ‘sto casino usciranno le foto del Delrio con i mafiosi di Cutro. Tu non ti ricordi quello che io ti dissi, che c’era un’indagine, quelli che hanno arrestato a Mantova, a Reggio Emilia, i cutresi, quelli della ‘ndrangheta… no, te l’ho detto, perché chi ha fatto le indagini è il mio migliore amico, e adesso ci stanno le foto di Delrio con questi” (Red 3).