Archivi tag: maltempo

Nevica sull’A2 e sulla Ss 107, rallentamenti e transito vietato ai mezzi pesanti

Maltempo, neve
Facebooktwittergoogle_plusmail

Ancora maltempo sulle strade e autostrade del Centro Sud. Sull’A2 “Autostrada del Mediterraneo”, l’ex Salerno Reggio Calabria, sono in corso nevicate tra gli svincoli di Campagna (al km 36) e Sibari (al km 208) e, al momento, il transito è consentito solo ai veicoli leggeri muniti di catene a bordo o di gomme antisdrucciolevoli.

Il personale dell’Anas (che sta già intervenendo con mezzi spargisale e sgombraneve) e delle Forze dell’ordine sta presidiando gli svincoli – sia quelli principali che secondari – non consentendo l’immissione sull’autostrada ai mezzi pesanti.

Rallentamenti a causa delle precipitazioni nevose sparse si registrano anche sulla viabilità ordinaria: in Calabria, in particolare, sulla strada statale 107 (dal km 0 al km 38).

Nel centro-Sud, stesso problema sulle seguenti arterie: nelle Marche sulla strada statale 77var (dal km 35 al km 41); in Campania sulle strade statali 7 “Appia” (dal km 228 al km 398), 18 (dal km 54 al km 67), 212 (dal km 25 al km 49), 19 (dal km 78 al km 102), 91 (dal km 108 al km 130), 166 (dal km 0 al km 30), 303 (dal km 0 al km 20), 517var (dal km 0 al km 35); in Basilicata sulle strade statali 19 (dal km 102 al km 109) e 598 (dal km 0 al km 123); in Sardegna sulle strade statali 292 (dal km 72 al km 100), 388 (dal km 35 al km 62), 129bis (dal km 0 al km 22), 128 (dal km 20 al km 55), 392 (dal km 170 al km 194); in Sicilia sulla strada statale 289 (dal km 18 al km 49) e sulla ss 117bis (dal km 1 al km 32).

L’Anas ricorda ancora l’obbligo d’uso catene o pneumatici antineve raccomandando prudenza nella guida. L’evoluzione della situazione del traffico, in tempo reale, è consultabile sul sito www.stradeanas.it oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in App store` e in Play store. È attivo inoltre il servizio clienti Pronto Anas, raggiungibile al nuovo numero verde gratuito 800 841 148.

Ancora maltempo: piogge e temporale in arrivo in Calabria. Allerta della Protezione civile

Maltempo Calabria
Facebooktwittergoogle_plusmail

Dalla mattinata di domani 15 gennaio 2017 e per le successive 24/36 ore si prevedono, sull’intero territorio calabrese, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale, specie sul settore occidentale, accompagnati da rovesci di forte intensità e forti raffiche di vento. I fenomeni temporaleschi saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Allerta gialla. Sulla base dei fenomeni previsti e’ stata valutata, per domani, allerta gialla su Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Calabria, quasi tutta la Basilicata e sulla zone costiere della Campania. Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

Maltempo in Calabria, Confagricoltura: “Pesanti danni sulle produzioni” (FOTO)

effetti gelo_3
Facebooktwittergoogle_plusmail

Il presidente Statti: “Risultano urgenti risposte concrete e l’attivazione di strumenti adeguati a garantire liquidità alle aziende danneggiate dalle calamità” Continua la lettura di Maltempo in Calabria, Confagricoltura: “Pesanti danni sulle produzioni” (FOTO)

Mareggiate sulla costa vibonese, appello alla Regione: “Verifica urgente dei danni”

Tropea-mareggiata-lido-distrutto
Facebooktwittergoogle_plusmail

Il maltempo che in questi giorni si è abbattuto sulla costa calabrese ha causato gravi danni materiali agli stabilimenti balneari. La forte pioggia e le intense mareggiate hanno distrutto attrezzature e impianti mettendo a nudo tutte le debolezze sull’erosione costiera causando così danni ingenti alle strutture turistiche su entrambi i litorali. Sul versante tirrenico le zone più colpite dalle mareggiate sono quelle di Tropea e Ricadi, con danni a diverse strutture turistiche e ad alcuni tratti della zona marina di Tropea.

Tropea devastata dalle mareggiate, Mangialavori chiede interventi urgenti

Tropea-mareggiataQuadro inquietante. Uniforme è lo scenario che si è presentato per tutto il litorale. Un quadro inquietante, cui si aggiungono le preoccupazioni dettate dalle previsioni meteo marine per tutto il resto della settimana. Superata l’emergenza, occorre ora capire come potere intervenire. Si rischia, mentre si avvicina la stagione estiva, di lasciare in ginocchio gli imprenditori balneari, già provati dalla generale situazione di crisi, con gravi ripercussioni sull’economia di territori che vivono soprattutto di turismo.

Tropea, spettacolare mareggiata nella zona del lungomare: ecco le immagini

L’appello. “Il problema – afferma Il coordinamento provinciale CNA Balneatori – non riguarda solo le imprese turistiche, ma l’intera economia turistica costiera regionale.  Da qui la nostra richiesta alla Regione affinché si attivi al più presto per una verifica della situazione”.

Tropea-MareggiataStagione estiva a rischio. La CNA Balneatori incontrerà a breve le aziende colpite e tutti gli operatori del settore, ritenendo che le problematiche dei singoli siano le problematiche di tutti. “Solo con un lavoro di squadra – aggiungono i componenti del coordinamento CNA Balneatori – si possono dare risposte ai numerosi quesiti. Sono necessarie misure concrete e di buon senso che possono essere messe in campo in tempi molto brevi. Occorre che tutti capiscano che la possibilità che le imprese turistiche balneari investano, producano ricchezza e occupazione, oltre che qualità turistica, rappresenta un traino fondamentale per il rilancio della costa e la sua salvaguardia”.

Mareggiata a Tropea, stagione turistica a rischio. Piserà chiede stato calamità naturale

Maltempo, il freddo non dà tregua: nel week end neve a bassa quota sulla Calabria

neve
Facebooktwittergoogle_plusmail

L’Italia sta ancora vivendo ore di freddo glaciale in tutto il Paese, con eccezionali anomalie termiche negative in tutte le Regioni: le temperature abbondantemente sottozero da ormai 7 giorni stanno provocando disagi un po’ ovunque, e nelle prossime ore arriverà un nuovo peggioramento con piogge sulle Regioni tirreniche e con nuove deboli nevicate in serata al Nord. Ma sarà solo l’inizio di una nuova ondata di maltempo molto “cattiva”, che nella giornata odierna provocherà violenti temporali su tutte le Regioni tirreniche. Sabato 14 la nuova perturbazione si sposterà al Sud con forti venti di maestrale e il ritorno della neve a bassa quota in Calabria e Sicilia, dove invece venerdì grazie al libeccio ci sarà un clima relativamente più mite con temperature massime che sulle coste raggiungeranno i +15°C (in un inverno come questo, quella che sarebbe la normalità quotidiana la consideriamo “mitezza“).

Dopo questa fredda sfuriata che riporterà l’Italia Sabato al freddo ovunque, la situazione cambierà ancora Domenica 15 per la nascita di un ciclone sul Tirreno che richiamerà aria molto fredda dall’Europa centrale, e alimenterà forte maltempo su gran parte d’Italia.

 

Coldiretti, maltempo no stop dopo uno degli anni più caldi di sempre

Coldiretti
Facebooktwittergoogle_plusmail

Maltempo no stop dopo un 2016 che si e’ classificato in Italia al quarto posto tra gli anni piu’ caldi di sempre con una temperatura che e’ risultata di 1,24 gradi superiore alla media del periodo di riferimento. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr che rilevano le temperature dal 1800. “Un risultato – sottolinea la Coldiretti – alimentato anche dalle temperature record del mese di dicembre che sono scese rapidamente dall’inizio del nuovo anno con uno sbalzo termico improvviso che ha provocato gravi danni alle coltivazioni e agli animali allevati ma anche picchi di influenza che ha gia’ colpito 2,5 milioni di persone, delle quali circa mezzo milione proprio nella settimana dal 2 all’8 gennaio”.

“Si conferma anche in Italia – sottolinea la Coldiretti – la tendenza al surriscaldamento dopo che il 2015 si era posizionato come l’anno piu’ bollente della storia ma nella classifica degli anni piu’ caldi ci sono nell’ordine il 2014, il 2003, il 2007, il 2012, 2001, poi il 1994, 2009, 2011 e il 2000. Siamo di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici che si stanno manifestano con pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro. Si moltiplicano – precisa la Coldiretti – gli eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi, ma intense e il repentino passaggio dal sereno al maltempo. Siccita’ e bombe d’acqua con forti piogge a carattere alluvionale, ma anche gelate estreme e picchi di calore anomali si alternano lungo l’anno e lungo tutta la Penisola. Anomalie che si evidenziano con il freddo in questi giorni. Dalla Puglia alla Basilicata, dalle Marche al Lazio, dall’Abruzzo al Molise, dalla Sicilia alla Calabria fino alla Sardegna sono almeno diecimila le aziende agricole in situazioni difficili a causa del maltempo sia nell’attivita’ di allevamento che nella produzione di ortaggi invernali prossimi alla raccolta, dai carciofi alle rape, dai cavolfiori alle cicorie, dai finocchi alle scarole. La regione piu’ colpita – precisa la Coldiretti – e’ la Puglia dove una prima timida stima del danno accertato nelle campagne e’ superiore al momento ai 110 milioni di euro anche perche’ clementine e arance sono irrimediabilmente rovinate dal gelo, i tendoni di uva da tavola sono crollati sotto il peso della neve e il freddo ha fatto crollare del 30% la produzione di latte come e’ avvenuto peraltro in altre Regioni dove e’ presente l’allevamento”. (AGI)

Maltempo, nuova ondata prevista in Calabria: vento e pioggia

protezione civile calabria
Facebooktwittergoogle_plusmail

Nuovo messaggio di allertamento per previsioni meteorologiche avverse. “Dal tardo pomeriggio di domani – informa una nota diffusa sulla pagina facebook della Protezione civile Calabria – venerdi 13 gennaio 2017 e per le successive 18/24 ore, si prevedono venti forti occidentali con raffiche di burrasca forte. Dal primo mattino di domani, venerdi 13 gennaio 2017 e per le successive 18/24 ore, si prevedono precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, forti raffiche di vento”.

16002846_956502381118171_1201531446804906386_n

Maltempo in Calabria, temperature ancora sotto lo zero nelle Serre Vibonesi (TABELLA)

Il lago Arvo ghiacciato
Facebooktwittergoogle_plusmail

Restano ancora rigide le temperature in Calabria. Le minime registrate durante la notte dall’Arpacal, l’agenzia regionale per l’ambiente, vanno dai – 14,2 riscontrate in Sila ai meno 1,8 gradi di Cosenza ed ai 0,2. Temperature sopra lo zero ma sempre basse a Catanzaro e Vibo Valentia (2 gradi) e Reggio Calabria (3,6). Capo Vaticano e Scilla (7 gradi) le città più “calde.” In alcuni centri anche stamane le scuole sono rimaste chiuse per decisione dei sindaci. Per quanto riguarda la viabilità, la Polstrada non segnala, al momento, nessun problema. L’Anas ha comunicato la cessata emergenza neve anche sull’autostrada A2, anche se la situazione potrebbe cambiare nelle prossime ore.

minime_notte_stazioni

Gelo e disagi nel Vibonese: scuole chiuse nei centri montani e auto in panne in città (FOTO)

auto-in-panne-a-vibo-2
Facebooktwittergoogle_plusmail

Un’altra notte trascorsa sotto lo zero nel Vibonese. Neve poca, ma tanto ghiaccio per via delle temperature polari.

La situazione più critica, ma comunque sempre sotto controllo, nel comprensorio delle Serre. Oggi scuole chiuse in molti comuni montani: da Fabrizia a Nardodipace, passando per Mongiana. Cancelli sbarrati anche in alcuni centri delle Preserre Vibonesi come Acquaro e Pizzoni. La chiusura si è resa necessaria a causa del persistere delle avverse condizioni meteo, caratterizzate ancora dalla presenza in particolare di ghiaccio e basse temperature, previste anche per la giornata di oggi. Scuole aperte, ma aule deserte e lezioni saltate a Serra San Bruno dove le temperature restano bassissime e anche nella notte appena trascorsa la colonnina di mercurio ha segnato -8.

Ghiaccio e qualche auto in panne a Vibo Valentia come documentano le foto inviate alla redazione di Zoom24 da alcuni automobilisti.

auto-in-panne-a-vibo-3

Calabria nella morsa del gelo tra scuole chiuse, disservizi ed auto in panne (FOTO)

maltempo-in-sila-lago-arvo
Facebooktwittergoogle_plusmail

Altra notte polare in diverse località montane e collinari della regione. Istituti scolastici chiusi oggi nel Catanzarese, nel Reggino e nei comuni delle Serre Vibonesi Continua la lettura di Calabria nella morsa del gelo tra scuole chiuse, disservizi ed auto in panne (FOTO)

Maltempo, neve su A2 nel Cosentino: obbligo di catene da Falerna a Padula

a3_neve_2
Facebooktwittergoogle_plusmail

Mezzi spargisale e sgombraneve sono al lavoro per garantire la transitabilità, come previsto dal piano neve concordato con le Prefetture Continua la lettura di Maltempo, neve su A2 nel Cosentino: obbligo di catene da Falerna a Padula

Maltempo, dal 5 gennaio gelo artico e neve su pianure e coste

fiocco-di-neve
Facebooktwittergoogle_plusmail

E’ in arrivo una fase di maltempo sul nostro paese, in particolare sulle regioni centrali adriatiche e su quelle meridionali. Una vera e propria colata artica investira’ l’Italia proprio in prossimita’ della Befana, dal 5 gennaio. Lo annuncia la redazione del sito www.ilmeteo.it, secondo cui correnti gelide determineranno un crollo termico, con temperature notturne che scenderanno fino a -8° al Nord, ma fino a -20° sulle Alpi; al Centro-Sud i termometri raggiungeranno i -5° in pianura, come per esempio nella Capitale. Arrivera’ anche la neve, che cadra’ pure sulle pianure e sulle coste, in particolare in Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria, ma addirittura anche in Sicilia. Non sono da escludere delle bufere e dei temporali nevosi lungo i litorali adriatici. Tanto sole invece al Nord e sulle regioni tirreniche centro-settentrionali, ma in un contesto davvero gelido. Intanto, la bassa pressione in transito da ieri sul Mar Tirreno va sfilando verso Sud-Est, portando maltempo su buona parte del Centro-Sud.
Antonio Sano’, direttore del sito www.ilmeteo.it, avvisa che oggi avremo piogge e temporali inizialmente su quasi tutto il Centro e poi via via verso le regioni meridionali; la neve cadra’ sopra gli 800/1000 metri sui rilievi appenninici. Nord sempre con bel tempo, ampiamente soleggiato. Domani pausa asciutta, salvo residue piogge sul basso Tirreno; poi, arrivera’ la colata artica. (AGI)

Maltempo, ancora freddo in Calabria: previste temperature basse a Capodanno

freddo
Facebooktwittergoogle_plusmail

Ancora freddo in Calabria e Sicilia: ulteriori nevicate sono previste tra oggi e domani mattina, 48 ore di freddo con possibili ulteriori nevicate Continua la lettura di Maltempo, ancora freddo in Calabria: previste temperature basse a Capodanno