Tutti gli articoli di redazione

Guida senza patente, provoca incidente e fugge a piedi in autostrada, denunciato

Facebooktwittergoogle_plusmail

Il giovane è risultato positivo al drug-test. La Polizia locale lo ha sanzionato con una maxi-multa di 5200 euro. per diverse violazioni al codice della strada. Sequestrata l’auto Continua la lettura di Guida senza patente, provoca incidente e fugge a piedi in autostrada, denunciato

Incassa somma vendita iphone e sparisce, ma viene rintracciato e denunciato

frode-creditizia
Facebooktwittergoogle_plusmail

Aveva messo in vendita un iphone 6 su una piattaforma di commercio online ma dopo avere incassato la somma pattuita da un privato, residente nella provincia di Reggio Calabria, si è reso irreperibile. Un uomo, di 37 anni, di Verbania è stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni per truffa. L’autore del raggiro, noto alle forze dell’ordine, dopo avere inserito l’annuncio ha concordato il pagamento per la vendita dell’oggetto ma non ha mai consegnato l’iphone all’acquirente al quale non è rimasto altro da fare che denunciare l’episodio ai carabinieri. Il trentasettenne piemontese si è reso irreperibile nonostante i numerosi tentativi di contattarlo posti in essere dalla vittima della truffa.

Innovazione, bando Progetti R&S: 276 le domande, contributi per 108 milioni

Facebooktwittergoogle_plusmail

Alla chiusura della piattaforma per la presentazione delle domande di partecipazione al bando “Progetti R&S” del POR Calabria 2014-2020, avvenuta alla mezzanotte di ieri (17 febbraio), sono 276 le domande di finanziamento pervenute per una richiesta di contributo complessiva di oltre 108 milioni di euro. Sono questi i numeri, a testimonianza del fatto che il tessuto produttivo calabrese esprime sempre più significativamente domanda di innovazione di prodotto e/o di processo industriale per cogliere le sfide della competizione globale. Le piccole e medie imprese ed i professionisti hanno, dunque, colto le opportunità offerte dall’avviso della Regione che, con una dotazione finanziaria di 15 milioni di euro, intende incentivare e sostenere la realizzazione di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale riferiti alle aree di innovazione della Smart Specialization (S3), anche in collaborazione con Università ed enti di ricerca.

Le richieste di agevolazione, pervenute attraverso la piattaforma, si riferiscono a programmi di investimento delle PMI per costi del personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario), strumentazione e attrezzature, immobili e terreni, ricerca contrattuale, conoscenze e brevetti, oltre le spese generali supplementari e altri costi di esercizio. Diverse domande – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – sono state presentate anche da parte di aziende che operano fuori dai confini regionali e che intendono insediarsi in Calabria.

I contributi sono concessi per un importo massimo di 500 mila euro, fino a un’intensità massima dell’80% dei costi ammissibili. “Anche i dati che ci restituisce la chiusura del bando R&S – ha detto il Presidente della Regione Mario Oliverio – ci confermano che esiste una Calabria dinamica capace di esprimere una significativa domanda di innovazione tecnologica, anche in partenariato con Università ed enti di ricerca. Ci siamo dati come obiettivo quello di migliorare i risultati delle aziende calabresi attraverso il potenziamento delle infrastrutture di ricerca e del sistema di trasferimento dell’innovazione per rilanciare il sistema produttivo verso le nuove frontiere dell’innovazione su scala globale. I risultati offerti dalla partecipazione al bando ci confortano sul fatto che il percorso intrapreso con le attività di definizione delle aree di innovazione della Smart Specialization (S3) e con il proficuo confronto con il partenariato, assieme ad una sostanziale semplificazione delle procedure di accesso ai bandi, sia il percorso giusto”.

La piattaforma per l’invio delle domande era stata attivata lo scorso diciannove gennaio sul sito http://calabriaeuropa.regione.calabria.it. Le aziende ed i professionisti hanno potuto fruire, inoltre, del servizio informativo e di assistenza attivato da Fincalabra e dal suo HelpDesk a cui sono pervenute richieste di assistenza e di informazioni. Fincalabra svolgerà la fase di gestione delle istruttorie e una commissione appositamente nominata procederà alla valutazione dei progetti presentati per la predisposizione della graduatoria. A fronte dell’importante domanda pervenuta per il bando R&S l’amministrazione verificherà la possibilità di incrementare la dotazione del bando.

Catanzaro, arrestato per maltrattamenti evade e torna a vessare moglie e figli

Facebooktwittergoogle_plusmail

Un 60enne di Badolato, R. C., è finito in arresto con l’accusa di maltrattamenti contro familiari e conviventi, lesioni personali aggravate ed evasione.

La segnalazione. I carabinieri di Soverato e di Badolato, dopo una telefonata al 112, sono intervenuti nell’abitazione dell’uomo dove era stata segnalata una lite in famiglia. I militari si sono subito accorti che la donna presentava dei segni evidenti di violenza sul volto e l’hanno fatta accompagnare al Pronto Soccorso per le cure del caso.

Le indagini. Dalla ricostruzione della vicenda sarebbe emerso un quadro che gli investigatori hanno definito inquietante: violenze e vessazioni continue che da circa un anno e mezzo il 60enne avrebbe messo in atto nei confronti della moglie e dei suoi due figli minorenni, di cui uno anche disabile. Fondamentale è risultata la collaborazione fornita dagli insegnanti della scuola dei figli, che ha permesso di far emergere i disagi vissuti dalle vittime.

L’arresto. Alla luce di tutto ciò l’uomo è stato dunque tratto in arresto e sottoposto ai domiciliari in un’abitazione secondaria nella sua disponibilità. La storia però non è finita qui: dopo poche ore, il 60enne, disinteressandosi totalmente della prescrizione, è andato di nuovo a casa della moglie e per questo è stato arrestato anche per evasione. Nel pomeriggio di ieri la sezione penale del Tribunale di Catanzaro ha convalidato gli arresti, disponendone i domiciliari.

Regione, presentata la legge per valorizzare il gelato artigianale calabrese

Facebooktwittergoogle_plusmail

La proposta presentata dal consigliere regionale Francesco Cannizzaro per assicurare protezione e tutela ad una delle produzioni gastronomiche d’eccellenza Continua la lettura di Regione, presentata la legge per valorizzare il gelato artigianale calabrese

Furto con scasso alle poste private di Paravati: indagano i carabinieri

Carabinieri-sparatoria-Caroni-di-Limbadi
Facebooktwittergoogle_plusmail

Furto con scasso la scorsa notte a Paravati. L’azione delittuosa è stata compiuta ai danni di “Poste private” che vende anche articoli per la scuola. Dopo avere divelto la saracinesca d’ingresso i malviventi hanno portati via materiale di cancelleria e i biglietti per i pullman. Sul furto stanno adesso indagando i carabinieri della locale stazione, diretti dal maresciallo Alessandro Demuru.

Strade colabrodo nel Vibonese, scatta le denuncia a Mileto

Facebooktwittergoogle_plusmail

Strade colabrodo nel rione Calabrò di Mileto. La denuncia arriva dall’ex capogruppo di minoranza in consiglio comunale Rosetta Mazzeo che si è fatta interprete del disagio che vivono i cittadini della frazione, costretti per le buche presenti in più punti di procedere a passo d’uomo, “altrimenti come minimo si rischia di rovinare l’autovettura”.
Una situazione “di degrado – afferma Mazzeo – che avevano già segnalato con un’interrogazione agli amministratori comunale, ma da allora non si è fatto nulla”. Intanto, la situazione con la complicità del maltempo si è ulteriormente aggravata, “ma il Comune – conclude Mazzeo – continua a far finta di niente.

Missione compiuta, la bomba non fa più paura. Disinnescata dagli artificieri (FOTO-VIDEO)

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’ora X è scattata a mezzogiorno in punto. Il maxi-ordigno della Seconda guerra mondiale rinvenuto nel Vibonese è stato fatto brillare in tutta sicurezza. Cessato l’allarme Continua la lettura di Missione compiuta, la bomba non fa più paura. Disinnescata dagli artificieri (FOTO-VIDEO)

Crotone ancora sconfitto, l’ex Gasperini non fa sconti, Nicola: “Puniti al primo errore”

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’Atalanta non si ferma più, il Crotone non riesce più a fare punti e precipita sempre più in basso. Sabato amaro per i rossoblù che perdono anche in casa della squadra allenata dall’ex Gasperini. Niente sconti per i pitagorici che si arrendono di stretta misura. La rete decisiva arriva dopo 3′ della ripresa. Segna ancora Conti, uno dei migliori talenti italiani in circolazione. 

Primo tempo. Privo degli indisponibili Cabezas, Melegoni e Konko, Gasperini conferma in attacco la coppia Petagna-Gomez, con Kurtic nel ruolo di trequartista. Kessie e Freuler hanno le chiavi del centrocampo, davanti a Berisha agisce il prossimo juventino Caldara. Privo dell’infortunato Rohden, Nicola non rinuncia al suo classico assetto di gioco, con un tridente offensivo formato da Stoian, Falcinelli e Acosty. In mezzo al campo agiscono Crisetig e Barberis, in difesa tocca a Dos Santos alzare il muro davanti a Cordaz. Nel primo tempo capita pochissimo e le emozioni si contano sulle dita di una mano. Anzi, serve molto meno per raccontare 45 minuti in cui i padroni di casa non riescono ad innescare il solito gioco, con Gomez frenato e Petagna ben marcato dalla difesa ospite, organizzata a dovere e mai in affanno. Le uniche chance gli orobici le collezionano a fine frazione. La Piu’ nitida al 38′, con Toloi che inzucca tutto solo senza pero’ centrare lo specchio. Un minuto dopo, stacco in avvitamento di Kurtic da dimenticare.

Secondo tempo. Le squadre restano qualche minuto in più negli spogliatoi per permettere a Banti di curare un leggero stiramento alla gamba ma, al ritorno in campo, si registra un’altra Atalanta. A festeggiare la sua prima convocazione tra i giovani azzurri è Conti, che al 3′ riceve in mezzo da Petagna ed anticipa Cordaz con la punta del destro. La reazione dei calabresi non è incisiva e l’Atalanta sa rendersi pericolosa al 15′ con Gomez, che però scivola al momento di calciare, e al 26′ con una botta da fuori di Freuler che si impenna sopra la traversa. Nicola cerca forze fresche dalla panchina e Berisha, al 28′, blocca un tiro ‘sporcato’ dalla distanza di Acosty. Nel finale, l’Atalanta ha più di un’occasione per raddoppiare: al 35′ Keisse sfiora il secondo palo, al 37′ c’e’ un autentico tiro al bersaglio, con Cordaz che para su Kurtic e Gomez che, in ribattuta, centra il legno. Al 40′, però, brivido per la tifoseria locale, con Berisha che para a terra una punizione velenosa di Barberis e Rosi che insacca, in fuorigioco, il tap-in.

Sala stampa. “Abbiamo fatto una grandissima partita, per impegno e voglia, mai l’Atalanta e’ riuscita a giocare come oggi, ma se commetti alcune ingenuita’ le paghi. E’ la categoria, ti fa pagare dazio”. Davide Nicola si rammarica per l’ennesima sconfitta. Il Crotone non ha sfigurato ma al primo vero errore ha subito il gol di Conti che ha deciso la partita. “C’e’ solo da lavorare su questi dettagli che sono poi quelli che fanno la differenza – l’analisi del tecnico ai microfoni di Sky Sport – La squadra gioca ma finche’ non eliminiamo certe ingenuita’ non si fanno punti e invece dobbiamo farli, per cui dobbiamo stare sul pezzo sin dalla ripresa degli allenamenti e cercare di non commettere piu’ questi errori. Sul gol subito c’erano le condizioni per essere piu’ competitivi e invece ci siamo fatti fregare da polli – si lamenta Nicola – pur sapendo che l’Atalanta porta sempre il quarto o il quinto di centrocampo a chiudere l’azione. Lo sapevamo ma all’atto pratico subentra quella frazione di ritardo che ti fa pagare dazio, e’ l’unica differenza che non ci permette di fare punti”. La salvezza si allontana ma Nicola non smette di crederci. “Dobbiamo continuare a giocare come stiamo facendo, migliorando un po’ la qualita’. Oggi abbiamo vanificato un’ottima partita ma se siamo riusciti a essere competitivi contro l’Atalanta vuol dire che ci sono valori che vanno espressi in tutte le fasi del gioco, l’attenzione non puo’ venire meno nemmeno per un secondo”.

Controlli della polizia nel Vibonese: raffica di multe e denunce. Sequestrati 2 tir

Facebooktwittergoogle_plusmail

Il personale della Sezione di Polizia Stradale di Vibo Valentia ha intensificato i servizi di controllo della circolazione stradale su tutto il territorio provinciale, anche in esecuzione del protocollo operativo “Focus ‘ndrangheta” disposto dal Questore di Vibo Valentia Filippo Bonfiglio.

I controlli. L’attività repressiva si è concentrata nel contrasto a specifiche infrazioni di competenza della Stradale quali il controllo del trasporto merci, l’uso dei mezzi antisdrucciolevoli nel periodo invernale, l’impiego dei sistemi di ritenuta e le alterazioni delle condizioni fisiche alla guida dovute all’assunzione di alcol e droghe. Solo negli ultimi fine settimana di aumento della circolazione veicolare, sono stati controllati 452 veicoli e 410 persone, con la redazione di 162 verbali di trasgressione alle norme del Codice della Strada e la decurtazione di oltre 200 punti sulle patenti di guida. I controlli con etilometro legati alla prevenzione delle stragi del sabato sera, ha portato alla verifica di oltre 100 utenti con il ritiro di 6 patenti di guida ed altrettante denunce all’autorità giudiziaria.

Bilancio. Due camionisti, per la cui categoria il tasso alcolemico dev’essere zero grammi/litro di sangue, guidavano in realtà con un’alterazione di oltre 2 g/l, ponendo in essere quindi condotte di guida estremamente pericolose. Per loro, oltre alla denuncia ed al ritiro della patente, anche il sequestro dei tir.
Un altro autotrasportatore, rosarnese, aveva taroccato il sistema cronotachigrafo per azzerare i tempi di guida e di riposo; l’utilizzo di un magnete a tale scopo, non è sfuggito al controllo degli agenti che hanno verbalizzato il responsabile e bloccato il mezzo pesante.

Denunce. L’attività di polizia giudiziaria ha consentito di deferire all’autorità giudiziaria 6 persone per reati di specifica competenza e di controllare 3 esercizi commerciali di cui uno, gommista, è stato contravvenzionato per oltre 5.000 euro in quanto inosservante delle disposizioni sulla tutela ambientale. Tre soggetti extracomunitari non in regola con i permessi di soggiorno sono stati rintracciati ed espulsi dal territorio italiano.

Scissione nel Pd, Oliverio: “Sarebbe da irresponsabili”

Facebooktwittergoogle_plusmail

“Mi auguro che si ponga fine ad una furia distruttiva, sempre meno celata, in atto nel dibattito interno al Partito Democratico. E’ da irresponsabili incentivare o promuovere ipotesi scissionistiche, ma anche insistere su posizionamenti politici autoreferenziali o in un gioco finalizzato alle prevalenze correntizie. Chi si attarda su queste posizioni intende minare nel profondo la credibilità del Pd. Bisogna mettere da parte atteggiamenti irresponsabili e cimentarsi in un inedito sforzo politico, programmatico e valoriale per rilanciare la mission del PD”.

“Le ambizioni personali e correntizie non possono frapporsi al dispiegamento di un PD capace di assolvere la funzione motrice per un’opera di cambiamento sociale ed istituzionale. Lo svolgimento del congresso non va ridotto al perseguimento di miserevoli obiettivi per il potere e rendite personalistiche. Il confronto congressuale dovrà concentrarsi sugli interessi generali del Paese”.

“Va recuperato lo spirito originario e fondativo del PD inteso come partito popolare, pluralista e di massa. Bisogna coniugare le tradizioni storiche, politico-culturali con la capacità di introdurre forti innovazioni per un progetto che sia all’altezza di fronteggiare le nuove contraddizioni delle società contemporanee. Al PD è affidato il compito di guidare la controffensiva per fermare i populismi e le destre europee. Questa è la giusta interpretazione affinché si possa svolgere un congresso capace di selezionare una leadership fortemente caratterizzata dai contenuti e mettere al bando ogni tentazione verso una conta aridamente nominalistica. Il problema dunque non è quello dei tempi della durata del percorso congressuale ma quello dei progetti e dei contenuti che saranno messi in campo. Dalla Calabria vogliamo privilegiare questa concezione. Ai calabresi interessa “prima di tutto la Calabria”.

“Il PD dovrà essere il luogo dove coniugare la rappresentanza degli interessi territoriali con quella dell’interesse generale.Serve un partito federato, fortemente ancorato ai valori della Sinistra europea e ad una funzione nazionale capace di riscrivere un nuovo Patto di civiltà e di coesione sociale fra gli italiani, in una Europa che dovrà necessariamente fare i conti con le nuove domande che provengono dai diversi Sud e dall’area del Mediterraneo”. Lo afferma in una nota il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio.

Mileto, l’incontro tra due giovani e “il mostro di Presinaci”

Facebooktwittergoogle_plusmail

Quella presenza sinistra e triste insegnò a Nino e Nando che “ la regola più importante è quella di sapersi scegliere gli amici . Non ha importanza se hanno i pantaloni rattoppati , l’importante è che non siano smargiassi e che nello stesso tempo siano onesti e puliti dentro”
Continua la lettura di Mileto, l’incontro tra due giovani e “il mostro di Presinaci”

Vibonese-Juve Stabia 0-1, Campilongo: “Abbiamo subito un’ingiustizia” (VIDEO)

Campilongo
Facebooktwittergoogle_plusmail

Finisce tra le polemiche la partita del “Luigi Razza”. Per la Vibonese di Salvatore Campilongo è una mazzata psicologica non facile da digerire. La sconfitta è ancora più amara perchè il risultato forse non riflette pienamente l’andamento del match. Almeno secondo il trainer dei calabresi. “Non avremmo meritato di uscire battuti dal campo. Il pari sarebbe stato già un risultato sfavorevole per noi, figuriamoci la sconfitta”.

Pesantissimi gli strali all’indirizzo del direttore di gara. “La partita è stata gestita male dall’arbitro dall’inizio alla fine penalizzando maggiormente la mia squadra”. Soddisfatto l’allenatore della prestazione dei suoi: “Una grande VIbonese, non abbiamo mai sofferto, abbiamo subito un’ingiustizia. Hanno fatto un tiro in porta ed un gol. Una sconfitta che brucia ma che non ci deve abbattere”. 

LEGA PRO | Vibonese-Juve Stabia 0-1. Gol e Highlights

Vibonese-Juvestabia
Facebooktwittergoogle_plusmail

Doccia fredda al “Luigi Razza” la Vibonese va al tappeto contro la Juve Stabia tra le proteste e le polemiche. Match fortemente condizionato dalle decisioni arbitrali con tre espulsi, dieci ammonizioni e due rigori negati ai rossoblù. Clamoroso quello non dato a Cogliati in pieno recupero che scatena un autentico parapiglia e provoca l’espulsione di Saraniti subito dopo il triplice fischio finale. La cronaca registra l’ottimo primo tempo della Vibonese che colpisce anche un traversa con Silvestri. Nella ripresa la Juve Stabia guadagna metri, ma fatica a rendersi pericolosa. I cambi spaccano la partita. Campilongo sostituisce Sowe con Cogliati mentre Fontana lancia nella mischia Marotta che prima impegna Russo e poi serve la punizione che Morero trasforma nel gol vittoria. Quindi arriva l’espulsione di Paponi con la Vibonese che gioca in superiorità numerica l’ultimo frangente del match. Il pari non arriva e il “Luigi Razza” resta un tabù. Tra le polemiche.