Nicotera piange per l’assurda morte di Michele Aiello (FOTO-VIDEO)

Tantissima gente ai funerali del ragazzo di 16 anni deceduto sera di domenica per cause ancora da definire



Il suo sogno era quello di fare il carabiniere, entrare nell’Arma, indossare la divisa e rendere più sicuri i cittadini. Un destino atroce, però, ha stroncato sul nascere il desiderio espresso da Michele Aiello. Il ragazzo, infatti, è stato trovato senza vita dai genitori in casa sera di domenica scorsa. Una morte assurda per la quale, allo stato, non ci sono certezze.




Le ipotesi. In un primo momento si è pensato ad una congestione determinata dall’ingestione di una bevanda fredda. Circostanza smentita dall’autopsia. Il medico legale Katiuscia Bisogni ha, infatti, rilevato una fibrillazione cardiaca seguita ad una forte tachicardia. Ancora nessuna risposta sulle cause che hanno portato all’arresto cardiocircolatorio. Per questo motivo si è deciso di effettuare dei prelievi propedeutici ad esami istologici e tossicologici che, però, saranno resi noti solo tra novanta giorni. I tempi tecnici necessari per completare tutti gli accertamenti e la relazione finale da presentare al sostituto procuratore Ciro Luca Lotoro che coordina le indagini sulla morte del sedicenne. I dubbi quindi sulla morte di un ragazzo senza grilli per la testa che voleva diventare carabiniere restano.

La commozione. Ieri pomeriggio i funerali a Nicotera con tantissime persone che si sono strette alla famiglia in un caloroso abbraccio di partecipazione a un dolore che ha colpito l’intera comunità nicoterese, in fila dietro la bara bianca portata nella chiesa principale del paese. Prima di fare il suo ingresso nel luogo di culto è stato intonato il silenzio, un “onore militare” per Michele che aveva l’Arma nel cuore.

Commovente il ricordo di parenti e amici che hanno salutato Michele per l’ultima volta.

Ultima modifica: 14 settembre 2018

In questo articolo