Fico: “Dal giudice Antonino Scopelliti una grande lezione morale”

Il presidente della Camera dei deputati commemora l'anniversario dell'assassinio del magistrato antimafia



“Il buon giudice, nella sua solitudine, deve essere libero, onesto e coraggioso: in questa breve frase c’è tutta la grandezza della lezione morale che ci ha lasciato Antonino Scopelliti, ucciso il 9 agosto di 27 anni fa in un agguato mafioso in Calabria. Aveva 56 anni ed era, in qualità di Sostituto Procuratore Generale presso la Suprema Corte di Cassazione, in procinto di rappresentare l’accusa contro gli imputati del maxiprocesso di mafia a Palermo”. Lo afferma il presidente della Camera Roberto Fico.




“Quei principi di libertà, onestà e coraggio che ispirarono sempre il suo lavoro devono poter continuare a rappresentare, ancora oggi, i punti cardinali di un’azione di riscatto civile portata avanti da tutte le Istituzioni e le componenti della società, a cominciare dai più giovani. Un’azione di rinnovamento, culturale innanzitutto, contro ogni logica mafiosa, che si costruisce giorno dopo giorno garantendo nel Paese condizioni di dignità sociale, di legalità e di trasparenza, sottraendo così alla criminalità organizzata importanti leve di potere”, prosegue Fico, che sottolinea: “Non possiamo ignorare, infatti, come siano proprio le situazioni di degrado amministrativo, sociale, economico e civile a creare il terreno più fertile per la malavita. L’elevato numero di comuni sciolti per infiltrazione mafiosa negli ultimi anni, anche in Calabria – la regione di provenienza di Scopelliti – attesta una persistente fragilità del sistema di governo territoriale rispetto all’azione pervasiva della criminalità organizzata, a detrimento della democrazia”.

E ancora: “La testimonianza di Scopelliti ci sia di esempio. Così come da giudice non ha mai desistito dal suo impegno, pur avendo chiara la complessità e la pericolosità della sua missione contro la criminalità organizzata, così anche noi, la politica e le Istituzioni innanzitutto, ma anche ciascun cittadino, non dobbiamo cedere alla rassegnazione ma impegnarci ogni giorno, con gesti quotidiani, a una rigenerazione della coscienza civile collettiva, per renderla incondizionatamente e convintamente immune da ogni logica e pratica mafiosa».

Ultima modifica: 9 agosto 2018