Campionato di vela 2018, a Gizzeria il vento spinge al successo Damanhur

La stagione calabrese non finisce qui. Si entra ora nel vivo con altri appuntamenti e a giugno sono in programma la Marsili Race e la Cyclops Conclusa l’ultima delle 11 prove di Campionato vela 2018 a Gizzeria. Il vento non delude all’HangLoose Beach a coronare la chiusura, una bella regata sui 16 nodi, che ha visto …   Read More



La stagione calabrese non finisce qui. Si entra ora nel vivo con altri appuntamenti e a giugno sono in programma la Marsili Race e la Cyclops

Conclusa l’ultima delle 11 prove di Campionato vela 2018 a Gizzeria. Il vento non delude all’HangLoose Beach a coronare la chiusura, una bella regata sui 16 nodi, che ha visto una Damanhur lanciatissima lasciare 6 minuti a Essenza. Il Comet 45s di Monteleone-Ferrone quest’anno si è affermato sugli avversari, collezionando 7 primi su 8 risultati che concorrono a formare la classifica. Anche quest’anno l’equipaggio di Essenza si è dovuto accontentare di un secondo posto. Un po’ al di sotto delle performances abituali Profilo si conquista il terzo posto. Splash e Baronesa si litigano il quarto posto, entrambi con buone potenzialità in termini di passo, soprattutto nelle regate lunghe. Anche l’esordio in Campionato di Kamhsin è stato un crescendo di miglioramento, con equipaggio e vele in rodaggio fino all’epilogo del terzo posto alla regata finale, a soli due punti di distacco dal 4°. Buono anche il posizionamento di Illyrja, prima della categoria crocieristica.

“Quest’anno – informano dal Circolo Velico Santa Venere – la categoria vele bianche aveva barche forti, dalle prestazioni simili a quelle della classe ORC, tanto che spesso Strega Rossa e Ariel arrivavano a ridosso del gruppetto di testa. Nella classifica iridata si impone Ariel su Strega Rossa, sicuramente avvantaggiata dall’entrata in ritardo di Strega Rossa nella competizione. Al terzo posto, primo di categoria, Thinking About, seguito dalla vera star della manifestazione, Ferruccio Rizzuti. A bordo del suo Bramino, completamente solo, con i suoi over “anta”, si è avventurato impavido tra marosi e gorghi, ha subito rotture all’attrezzatura e si è rimesso in gioco, sempre sorridendo, ringraziando e godendo come un fanciullo di questa bella esperienza agonistica”.

“Un bel clima di amicizia – sottolineano – canzonature e sana rivalità ha caratterizzato la manifestazione, che si è svolta senza intoppi, con tutte le regate in programma disputate. Condizioni perfette anche a terra con l’ospitalità di Marina Carmelo e Azzurra rendono possibile anno dopo anno questa bellissima crescita agonistica. Anche il sostegno di sponsor storici come La Rada e Spartivento, unitamente ad altre collaborazioni, garantiscono appoggio e durata alla manifestazione. Una buona squadra di tecnici, tra Presidente Manfrida, giudici e segreteria sacrificano tempo ed energie per il divertimento dei concorrenti e a loro sicuramente va il plauso più grande per l’impegno che ci mettono”.

Il prossimo appuntamento è con la Marsili Race, 9/10 giugno, a seguire la Cyclops, 15/16/17 giugno. Prova di Campionato Italiano Offshore ma, affermano “il Circolo Velico Santa Venere sta guardando ancora più in alto”.

*FOTO ARMANDO BIBLIOTECA

Ultima modifica: 28 maggio 2018