Microcredito alle imprese, dibattito a Vibo: ecco le proposte

Il convegno si è tenuto nei locali della Camera di Commercio alla presenza di banche ed associazioni di categoria Credito alle imprese, si  potrebbe aprire uno spiraglio. È quanto emerso nell’incontro sul Microcredito tenutosi alla Camera di Commercio di Vibo Valentia, promosso dai Lions e dal Sistema bibliotecario con la compartecipazione dei Consulenti del lavoro …   Read More



Il convegno si è tenuto nei locali della Camera di Commercio alla presenza di banche ed associazioni di categoria

Credito alle imprese, si  potrebbe aprire uno spiraglio. È quanto emerso nell’incontro sul Microcredito tenutosi alla Camera di Commercio di Vibo Valentia, promosso dai Lions e dal Sistema bibliotecario con la compartecipazione dei Consulenti del lavoro e della stessa Camera di Commercio.

I lavori sono stati coordinati da Alessandro De Salvo, saggista economico e socio Lions, ed introdotti dal Presidente dell’ente camerale Michele Lico, da Gilberto Floriani, direttore del Sistema Bibliotecario vibonese, da Rosario Rubino, Presidente dell’ordine provinciale dei Consulenti del lavoro e da Nicola Fusca, Presidente Lions club Vibo Valentia.

Il Microcredito, come spiegato da Giacomo Curigliano, tutor dell’ente nazionale per il Microcredito, può essere richiesto dalle p.iva in essere da non più di 5 anni ed è concedibile fino ad un importo di 25mila euro. Viene erogato dagli istituti bancari in Convenzione ed è prevista, sull’80% dell’importo erogato, la garanzia del fondo centrale per il microcredito, mentre per il restante 20% non sono comunque richieste garanzie reali, ma solo personali.

Il Tutor affianca il richiedente nello sviluppo dell’attività imprenditoriale da finanziare certificando, di fatto, la bontà o meno dell’operazione finanziabile. L’eventuale parere favorevole del tutor favorisce la valutazione positiva dell’istituto di credito sulla concedibilità del credito, assistito dalle garanzie soprariferite.

Presente all’incontro la direttrice generale della Bcc del vibonese, Antonella Sacco, la quale ha evidenziato che il suo istituto ha già approvato, in meno di un anno, 30 pratiche di Microcredito. La Bcc è pronta a fare ancora di più, ha proseguito la dott.sa Sacco, ma è fondamentale che i progetti finanziabili siano credibili e ben impostati sul piano imprenditoriale. A tal Fine, Antonino Cugliari, Presidente della Cna Vibonese, ha rimarcato il ruolo attivo che possono avere le associazioni di categoria in termini di supporto alla definizione delle migliori strategie d’impresa e di collaborazione con gli istituti di credito.

Presente all’incontro anche la Confindustria vibonese, rappresentata nell’occasione da Antonello Gagliardi, il quale ha accolto positivamente il Microcredito come ulteriore strumento a sostegno delle attività d’impresa, al punto da auspicarne l’allargamento in termini di operatività, ad esempio eliminando il vincolo dei massimo 5 anni di anzianità dell’impresa. Per la Confcommercio di Vibo Valentia è intervenuto Pasquale Barbuto, che oltre a fornire ulteriori dettagli tecnici sull’operatività dello strumento, ha definito lo stesso positivo per il commercio locale perché, insieme ad altre forme di finanziamento, può potenzialmente favorirne la ripresa. Ha concluso i lavori il dottore Commercialista Pietro Maccarone, nella sua qualità di Presidente di Circoscrizione Lions, evidenziando lo spirito di servizio che caratterizza l’azione dei Lions a tutti i livelli.

Ultima modifica: 11 aprile 2018