Messa in sicurezza scuole a Vibo, il Comune partecipa all’avviso Pon per 4 istituti

Vibo-Valentia-municipio-comune
Facebooktwittergoogle_plusmail

Si tratta della Murmura-Trentacapilli, della “Amerigo Vespucci” di Vibo Marina, della Buccarelli per oltre 1,4 milioni e l’istituto Domenico Savio per 540mila euro

La stabilità strutturale delle scuole cittadine è stata ripetutamente messa in discussione. Ma le risorse per rispondere alle esigenze dell’utenza un Comune in dissesto non avrebbe mai potuto trovarle da sé. Servono, infatti, milioni di euro per investire nella messa in sicurezza. E dove trovarli se non nei fondi europei?

Così, per una volta, palazzo Luigi Razza ha provato a non perdere il treno e quantomeno allinearsi con i tempi. E’ venuto fuori il progetto definitivo da candidare all’avviso pubblico del Ministero dell’Istruzione per l’adeguamento sismico di quattro istituti. Si tratta della Scuola secondaria di primaria e secondaria di Primo Grado Murmura-Trentacapilli per 2,5 milioni di euro, della secondaria “Amerigo Vespucci” di Vibo Marina, per complessivi 1.580.000,00 euro, dell’edificio scolastico Buccarelli per oltre 1,4 milioni e l’istituto Domenico Savio per 540mila euro.

La giunta guidata dal sindaco Elio Costa, sentita la relazione dell’assesssore ai Lavori pubblici Lorenzo Lombardo, ha dato il disco verde all’approvazione della delibera. Il Comune sottoscriverà l’apposita convenzione con l’Istituto scolastico di riferimento. I L’obiettivo è quello di “ predisporre – è stato scritto nell’avviso del Miur – ambienti dedicati all’apprendimento che siano sicuri e inclusivi”.

Il tutto, ovviamente, disponendo di “infrastrutture di qualità, affidabili e sostenibili”. C’è un dettaglio da non sottovalutare. Nel caso di ammissione al finanziamento, poiché il Comune versa in dissesto finanziario, tutte le procedure amministrative e contabili legate agli interventi infrastrutturali saranno affidate alle scuole interessate. Il tutto è stato definito in un apposito schema di Convenzione da sottoscrivere eventualmente con le istituzioni scolastiche.

“Si tratta – ha commentato l’assessore ai Lavori Pubblici Lorenzo Lombardo – di un ulteriore segno tangibile della nostra attenzione che questo assessorato e l’intera amministrazione ha per tutti i bandi potenzialmente finanziabili ed in particolar modo quelli attinenti all’edilizia scolastica”. Il componente dell’esecutivo ha elogiato l’operato dei funzionari dell’Ente, evidenziando come l’eventuale finanziamento “garantirebbe ai nostri ragazzi di poter studiare in ambienti sicuri e a norma”.

Potrebbero interessarti

Vibonese-Troina, “intruso” negli spogliatoi a fine gara e multa di 800 euro al club rossoblù
Non paga le tasse, vende la merce in nero e fa fallire la società: imprenditore denunciato
tonnara Pizzo Beni culturali a Pizzo, dal ministero arrivano 750mila euro per la messa in sicurezza