Agguato al cimitero di Vibo, ferito a colpi di pistola il custode

Facebooktwittergoogle_plusmail

L’uomo è stato colpito ad un braccio e ad una gamba e si trova ora ricoverato in ospedale. I carabinieri hanno avviato le indagini

Due colpi di pistola sono stati esplosi nel pomeriggio di oggi, intorno alle 17,30 all’interno del cimitero di Vibo Valentia. Nel mirino il custode, Alessandro Sicari, 48 anni, residente nella frazione di Longobardi. L’uomo è stato attinto ad un braccio e ad una gamba. L’uomo è stato portato dalla polizia municipale nell’ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Sul posto si sono recati i carabinieri della Compagnia di Vibo che hanno avviato le indagini. 

L’agguato tra la nebbia. Al momento dell’agguato nella zona cimiteriale, oltre al buio, era calata una fitta nebbia che dal primo pomeriggio di oggi avvolge buona parte della città. Da quanto si apprende sono stati diversi i colpi di pistola sparati. Due sono andati a segno colpendo il 48enne al braccio sinistro e alla caviglia sinistra. Ai carabinieri l’uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d’arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba.

Potrebbero interessarti

bovini vanganti Bovini vaganti, prima uscita con “brivido” per la task force istituita dalla Prefettura
Hadziosmanovic gela il “Marulla” e la Reggina torna imbattuta da Cosenza
Busta con proiettile indirizzata via posta al candidato del M5S Giuseppe D’Ippolito