Controlli ambientali dei carabinieri nel Vibonese, sequestrato un frantoio

Facebooktwittergoogle_plusmail

Accertata anche la presenza di un lavoratore in nero dentro un’azienda di bovini

I militari della Stazione di Cessaniti, insieme a quelli della Stazione Forestale di Vibo Valentia hanno deferito in stato di libertà il proprietario di un frantoio poiché nel corso di uno specifico servizio constatavano la presenza di uno scarico abusivo diretto di reflui provenienti dall’attività di lavorazione e molitura delle olive in difformità dal previsto processo di spandimento agronomico dei reflui. Il frantoio veniva quindi posto sotto sequestro preventivo con affidamento in custodia allo stesso titolare.

Invece, i Carabinieri della Stazione di Sant’Onofrio insieme a quelli del Nucleo Ispettorato Lavoro di Vibo Valentia, del Nas di Catanzaro e del Noe di Reggio Calabria hanno effettuato un controllo presso un’azienda allevamento bovini sita in Stefanaconi all’esito del quale i militari del Nil elevavano una sanzione amministrativa di 3.000,00 euro a carico del titolare poiché veniva accertata la presenza di un lavoratore “in nero”.

Potrebbero interessarti

Comune di Vibo Valentia Comune Vibo, ecco le tariffe Tari-Tarig per il 2018: aggiornate anche le scadenze
Tonno Callipo a caccia dello Scudetto Under 13, al via le finali nazionali a Camigliatello
Omicidio al campo rom di Lamezia Terme, identificato e fermato il presunto assassino