Processo Calabria Verde, la Regione si costituisce parte civile

tribunale toga aula
Facebooktwittergoogle_plusmail

La Giunta regionale ha autorizzato la costituzione di parte civile nel procedimento penale della Procura della Repubblica di Catanzaro che riguarda l’inchiesta sull’ente in house “Calabria Verde” a carico di Paolo Furgiuele, Alfredo Allevato, Marco Mellace, Antonio Errigo, Gennarino Magnone e Emanuele Ciciarello, imputati a vario titolo per l’ipotesi dei reati di abuso d’ufficio, minaccia a pubblico ufficiale, peculato e falsità ideologica.

L’inchiesta. Secondo le ipotesi di accusa della Procura alcuni degli imputati si sarebbero resi protagonisti di gravi danni nei confronti della Regione Calabria come la sottrazione e l’indebita utilizzazione di ingenti risorse economiche, circa 80 milioni di euro, provenienti dai fondi europei che sarebbero dovuti servire invece per l’acquisto di mezzi antincendi boschivi, per le opere idrauliche, la messa in sicurezza dei corsi d’acqua, degli insediamenti urbani in aree di rischio e di quelle aree con rischi di frane.

Potrebbero interessarti

Tonno Callipo volley Tonno Callipo, partita da batticuore e rimonta capolavoro. Stop alla sequenza di sconfitte
ndrangheta taurianova ‘Ndrangheta a Taurianova, il Tribunale della libertà scarcera l’ex sindaco Domenico Romeo
sindaco diamante Diamante, il sindaco azzera la Giunta e revoca le deleghe