Catanzaro, in fiamme l’auto dell’ex assessore Mungo. Avviate le indagini

 Il fatto è accaduto sotto casa di Mungo. Sul posto Vigili del Fuoco e il Nucleo radiomobile dei Carabinieri Ha preso fuoco l’auto dell’ex assessore Gianpaolo Mungo. La Fiat 600  è stata distrutta dalla fiamme nella zona nord della città capoluogo di regione, a Pitera’ sotto casa dell’ex assessore. Sul posto il Nucleo radio mobile …   Read More



 Il fatto è accaduto sotto casa di Mungo. Sul posto Vigili del Fuoco e il Nucleo radiomobile dei Carabinieri

Ha preso fuoco l’auto dell’ex assessore Gianpaolo Mungo. La Fiat 600  è stata distrutta dalla fiamme nella zona nord della città capoluogo di regione, a Pitera’ sotto casa dell’ex assessore. Sul posto il Nucleo radio mobile dei carabinieri e i Vigili del fuoco. Si indaga sull’origine dell’incendio. Gli investigatori hanno visionato anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona a caccia di elementi utili alle indagini.

Forza Giampaolo. “Piena e incondizionata solidarietà e vicinanza all’assessore Giampaolo Mungo, per il gravissimo atto intimidatorio subito questa notte”. Lo ha dichiarato l’assessore all’ambiente Domenico Cavallaro appreso la notizia. “L’incendio della sua automobile è l’ennesimo attentato intimidatorio subito da una persona che forse paga il troppo amore per la sua città e l’impegno profuso da amministratore mirato al rispetto delle regole e della trasparenza delle sue azioni. Se qualcuno pensa di fermare il lavoro che il sindaco Abramo e la sua giunta stanno profondendo ha certamente sbagliato strada. Catanzaro è una città di gente onesta e laboriosa. Non accettiamo di rimanere ostaggio di una minoranza criminale che attraverso atti violenti, vili e di prepotenza, come quello subito stanotte da Giampaolo, tenta di condizionare il nostro agire democratico. Sono certo – prosegue Cavallaro – che atti come questi, anzichè indebolire rafforzino ulteriormente il desiderio e la caparbietà di affermare le buone prassi che amministratori onesti stanno cercando di portare avanti con enormi sacrifici e coraggio”.

Ultima modifica: 12 aprile 2018