Tutti a Soriano per un caffè: così il turismo “lento” diventa punto di forza

Facebooktwittergoogle_plusmail

La campagna lanciata dal sindaco Bartone nel tempo ha portato i suoi frutti e sono centinaia i visitatori che si contano ogni settimana a Soriano

Soriano Calabro è una delle capitali della Calabria del cosiddetto turismo lento. “Un nuovo modo ecosostenibile quasi a chilometro zero, che in altre regioni d’Italia ha preso piede da anni a cui noi abbiamo preso a modello”. È questa l’offerta che il sindaco Francesco Bartone ha deciso di “sponsorizzare”. Come? Invitando i turisti a prendere un caffè a Soriano, un’iniziativa lanciata nei mesi scorsi per “valorizzare” questa forma di turismo. Perchè, spiega, “questa offerta intercetta nella nostra cittadina migliaia di turisti che amano viaggiare con calma in modo sano e distensivo”.

Turismo. Sono infatti centinaia ogni settimana – fa sapere il primo cittadino – nonostante la stagione invernale, i visitatori che arrivano a Soriano per fare una sosta di una giornata distensiva nei musei, al parco archeologico e monumentale di San Domenico, per sostare magari con calma poi nei numerosi bar del centro magari fuori ai tavoli a gustare un caffè al tepore mite del sole invernale e per passare poi al gustare il pranzo agli agriturismo che offrono una varietà di pietanze rustiche ma genuine, allo shopping alle numerose botteghe dolciarie e acquistare e assaporare profumi e dolcezze dei torroni tra cui quello di noce un’unicità tipica esclusivamente sorianese. Un obiettivo centrato grazie all’impegno e al lavoro messo in campo. “Abbiamo lavorato molto anche in tal senso – conclude infatti Bartone – con impegno quotidiano a far si che sempre più persone, viaggiatori e turisti decidano di venire a Soriano”.

Potrebbero interessarti

Camera di commercio Catanzaro, illegittima la nomina di Rossi. Ecco le ragioni
lirosi Interruzione di pubblico servizio, assolti 19 autisti delle autolinee Lirosi di Gioia Tauro
Serie-D-2017-2018 SERIE D | Troina sempre più solo al comando, cinquina della Cittanovese all’Acireale