Donne aggredite in centro accoglienza, arrestati cinque baby-migranti

Pretendevano denaro e ricariche telefoniche e per questo hanno minacciato di morte due donne. Sono stati arrestati per minacce, lesioni e tentata estorsione Erano ospiti di una casa famiglia, ma avrebbero aggredito due donne e tentato una estorsione. Per questo gli agenti della polizia del Commissariato di Rossano hanno arrestato 5 migranti minorenni, accusati di …   Read More



Pretendevano denaro e ricariche telefoniche e per questo hanno minacciato di morte due donne. Sono stati arrestati per minacce, lesioni e tentata estorsione

Erano ospiti di una casa famiglia, ma avrebbero aggredito due donne e tentato una estorsione. Per questo gli agenti della polizia del Commissariato di Rossano hanno arrestato 5 migranti minorenni, accusati di tentata estorsione aggravata, danneggiamento e lesioni. Le responsabili della struttura di accoglienza di Rossano, avevano richiesto al 113 un intervento urgente perchè minacciate dagli ospiti. Già in passato si erano registrati altri atti simili, ma meno gravi.

Aggredite. Gli agenti, giunti sul posto, hanno trovato, all’esterno, le responsabili del centro visibilmente terrorizzate, che hanno raccontato di essere state buttate fuori dalla struttura dai cinque giovani, dopo diverse minacce di morte. I cinque le avrebbero strattonate e ferite, minacciandole di morte se non avessero ricevuto denaro e ricariche per i telefonini e urlando che le avrebbero uccise se avessero tentato di rientrare nella struttura. La porta era infatti chiusa dall’interno e si sentivano urla e rumori di oggetti che venivano rotti.

Cinque arresti. Il portone, dopo diversi inviti della polizia, è  stato finalmente aperto e gli agenti hanno trovato i cinque giovani, immediatamente bloccati, che continuavano a manifestare un chiaro atteggiamento arrogante, di sfida e minaccia verso le due donne ospitanti, contro le quali urlavano. I cinque, che parlavano in arabo, avevano un atteggiamento visibilmente ostile e sono stati pertanto arrestati. Una delle due donne è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari per le lesioni riportate. Il personale della polizia scientifica ha poi constatato diversi danneggiamenti all’interno della struttura. Il Tribunale dei minorenni di Catanzaro ha disposto l’accompagnamento dei cinque arrestati presso il centro di prima accoglienza per minorenni di Catanzaro.

Ultima modifica: 12 aprile 2018