Blitz interforze alla tendopoli di San Ferdinando, tre arresti

Facebooktwittergoogle_plusmail

Nel corso dell’operazione disposta dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sono stati sequestrati anche 120 grammi di cannabis

Nell’area della Tendopoli di San Ferdinando sono stati effettuati mirati servizi di polizia giudiziaria, amministrativa e di controllo del territorio. L’attività interforze, che ha visto la sinergica collaborazione del personale della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Gioia Tauro, dell’Arma dei carabinieri e della Guardia di finanza e della polizia provinciale, è stata elaborata in sede di Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Tre arresti. Nel dettaglio, il personale interforze impiegato nei servizi ha arrestato un cittadino del Mali di 27 anni ed un cittadino nigeriano di 31 anni responsabili di detenzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana. È stato arrestato inoltre un cittadino della Mauritania responsabile del reato di evasione dagli arresti domiciliari cui era sottoposto. Durante lo svolgimento dei servizi è stata riscontrata la presenza di alcune autovetture fuori uso, alcune delle quali vere e proprie carcasse, che sono state prelevate dalla ditta autorizzata allo smaltimento.

Il bilancio. Sono state controllate 169 strutture abitative e 684 persone, effettuate 586 perquisizioni e sequestrati 120 grammi di sostanza stupefacente del tipo cannabis indica e sequestrata la somma di 1.200 euro quale probabile provento dell’attività di spaccio di stupefacenti. Inoltre, sono state controllati 12 esercizi commerciali, 6 dei quali sono stati sanzionati amministrativamente per un ammontare di 93.000 euro. Il dispositivo interforze proseguirà anche nei prossimi giorni

Potrebbero interessarti

Tonno Callipo, tie-break amaro e la Diatec Trentino espugna Vibo
porto gioia tauro traffico droga Conferenza unificata Stato-Regioni, passo avanti verso l’istituzione di una Zes calabrese
Fecero saltare in aria l’auto di una testimone, restano agli arresti i tre giovani