Regione, stanziati oltre 9 milioni di euro per gli immobili del Terzo settore

Regione Calabria
Facebooktwittergoogle_plusmail

L’obiettivo è sostenere gli investimenti delle organizzazioni del privato sociale e del settore no profit

Con i 9.379.000 euro di risorse del bando per il potenziamento di strutture ad usi socio-educativi e socio-assistenziali, la Regione vuole sostenere gli investimenti delle organizzazioni del privato sociale e del settore no profit per l’ampliamento o l’attivazione dei servizi di cura agli anziani non autosufficienti e ai soggetti adulti con limitazioni nell’autonomia. Le spese ammissibili, fino all’80% dell’importo complessivo, pari, cioè, 80 mila euro, dovranno riguardare opere murarie, impianti, macchinari e attrezzature, imposta di registro, perizie tecniche, garanzie fornite da istituti finanziari, certificazione Itaca, spese tecniche e di progettazione.

L’avviso è rivolto a tutte le organizzazioni private senza scopo di lucro che esercitano in via stabile e principale una attività economica per la produzione o lo scambio di beni o servizi di utilità sociale, diretta a realizzare finalità di interesse generale. Tra gli interventi finanziabili anche il recupero e rifunzionalizzazione di immobili inutilizzati, l’adeguamento sismico l’ampliamento. I beneficiari, che hanno anche l’obbligo di collaborare con la Regione alla realizzazione di prodotti multimediali per informare sui progetti realizzati e finanziati e sui risultati ottenuti nell’ambito del Por Calabria 2014/2020, possono presentare una sola domanda di contributo, anche riferita a più immobili localizzati in comuni diversi, compilata on line accedendo al sito http://www.regione.calabria.it/calabriaeuropa, da inviare in via telematica a partire dalle ore 12 del 19 Dicembre 2017 alle ore 23.59 del 18 Gennaio 2018.

Potrebbero interessarti

Vibo-comune-e-Silvia-Riga Caos Migranti a Vibo. La “verità” dell’assessore Riga: “Ecco perchè l’attacco è strumentale”
Non molestò e non minacciò una persona invalida, assolto
La Saint Michel e i detenuti minorenni in campo per la solidarietà