Catanzaro, impatta contro un tir e muore. Il pm in aula: “Tutti a giudizio”

tribunale Catanzaro
Facebooktwittergoogle_plusmail

Tre gli imputati che rispondono dell’omicidio colposo di Alessandro De Micheli, il 33enne che ha perso la vita in un incidente stradale a Siano il 5 novembre del 2013

Ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti il pm ministero Giulia Tramonti per la morte di Alessandro De Micheli, 33 anni, di Sellia Marina, che ha perso la vita in un incidente stradale a Siano, quartiere a nord di Catanzaro il 5 novembre del 2013. Una richiesta alla quale si sono associati, oggi davanti al gup Barbara Saccà, le parti civili rappresentate dai legali Luigi Falcone, Pietro Funaro, Antonio Marino e Paola Marino. Sotto accusa Francesco Serratore conducente del Tir che ha impattato la vittima a bordo di una Fiat Punto sulla tangenziale est di Catanzaro, all’altezza di una benzina in direzione Lido, Antonio Lucia, legale responsabile della Calcestruzzi bitumi srl e i dirigente della Provincia di Catanzaro (entrambi difesi dall’avvocato Sergio Lucisano) e Domenico Marino (difeso dall’ avvocato Francesco Iacopino), “rei”, secondo le ipotesi accusatorie, di omicidio colposo in concorso e delle lesioni personali provocate ad altre tre persone rimaste coinvolte nell’incidente.

Le ipotesi di accusa.  In particolare Serratore, sempre secondo le ipotesi di accusa, avrebbe tenuto una velocità superiore rispetto a quella consentita nel tratto in questione. Successivamente, toccando il freno, avrebbe fatto perdere l’aderenza del veicolo con l’asfalto, invadendo la corsia opposta. Marino, all’epoca dei fatti direttore di reparto del settore gestione manutenzione strade e infrastrutture della Provincia di Catanzaro, secondo l’accusa, sarebbe responsabile di non aver effettuato i lavori su un manto stradale pericoloso che per anni aveva provocato tanti incidenti stradali e tante morti bianche. E i lavori su quel tratto di strada (effettuati solo in un  momento successivo) rientrano proprio nelle competenze dell’Ente intermedio. Si ritornerà in aula il prossimo 17 novembre.

L’incidente mortale. Alessandro De Micheli, consulente informatico, viaggiava su una Fiat Punto, quando  ha impattato contro un tir, intorno alle 15. 30, complice l’asfalto scivoloso a causa della pioggia, rimanendo schiacciato tra le lamiere. Per lui non c’è stato nulla da fare, il 33enne ha perso la vita sul colpo. Nell’incidente sono rimaste coinvolte anche una Opel Corsa”, un fuoristrada “Toyota Land Cruiser” e un autoarticolato.Immediati all’epoca dei fatti i soccorsi per i feriti che sono stati trasportati con urgenza all’ospedale Pugliese- Ciaccio di Catanzaro.  Da qui l’inchiesta della Procura di Catanzaro e l’iscrizione nel registro degli indagati. (ga. pa.)

Potrebbero interessarti

La Vibonese punta sull’usato sicuro. Nevio Orlandi è il nuovo allenatore
Chiede soldi per restituire la refurtiva, arrestato per estorsione
Parti a rischio all’ospedale di Vibo, chiesto l’intervento del prefetto