Pedopornografia, il Csm sospende il giudice della Corte di appello di Reggio Amato

Facebooktwittergoogle_plusmail

Previsti la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio e il collocamento fuori dal ruolo organico della magistratura

La sezione disciplinare del Csm ha disposto la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio ed il collocamento fuori dal ruolo organico della magistratura di Gaetano Maria Amato, giudice della Corte d’Appello di Reggio Calabria, arrestato dalla polizia di Messina per pornografia minorile, lo scorso 2 ottobre.

Potrebbero interessarti

Rende parte forte ma l’Andria pareggia e batte i calabresi
Precipita in un burrone, si teme il peggio ma viene ritrovato vivo
Pubbliche amministrazioni, digitalizzazione resta tallone d’Achille