Territori e tradizioni da valorizzare, a Rende protagonista la “quadara”

Facebooktwittergoogle_plusmail

La manifestazione ha visto coinvolte molte persone in questo che vuole essere un progetto di riconoscimento e valorizzazione delle usanze

Nell’incantevole cornice del museo civico di Rende,  è stata presentata l’associazione la “Quadara – confraternita della frittola calabrese”, il cui intento è quello di promuovere quello che più che un rito è una tradizione della cultura calabrese, appunto quello della “quadara”, che porta alla realizzazione delle provviste per l’intero anno successivo, e non solo provviste ad uso proprio di chi il maiale lo cresceva e poi ne faceva provviste, ma anche come “stimanza” e cioè quell’atto di vera amicizia fraterna in cui chi ha qualcosa lo dona con tutto se stesso alle persone care in uno scambio, in un contatto, che non è solo formale od anche di riconoscenza, ma una vera e propria manifestazione di stima, “stimanza” appunto!

La manifestazione ha visto la regia del presidente Iantorno, che con passione ed amore dei luoghi e delle tradizione, ha coinvolto molte persone in questo che vuole essere un progetto di riconoscimento e valorizzazione delle tradizioni che tendono ad essere abbandonate nel dimenticatoio e che invece sono all’origine delle nostre radici. Durante la manifestazione sono state declamante poesie della tradizione calabrese.

Il prof. Yuri Perfetti, geografo dell’Unical e socio della confraternita, ha rappresentato l’importanza della tipicità dei territori e delle tradizioni legate ai territori stessi e di come siano importanti per ricordare chi siamo ed indicarci dove andare. Appuntamento ora alle prossime “quadare” con buona pace di trigliceridi e colesterolo

Potrebbero interessarti

Minacce ai corrieri per imporre il monopolio nel settore della consegna merci: tre fermi (NOMI-FOTO)
Fratelli d’Italia si riorganizza a Vibo, Anello nuovo commissario cittadino
Odissea Tonno Callipo, oltre 12 ore per arrivare a Verona tra voli annullati e guasti al treno