#Donoday 2017, l’adesione dell’amministrazione comunale di Vibo

Facebooktwittergoogle_plusmail

Da ieri al via una serie di iniziative. A spiegarne il senso gli assessori Silvia Riga e Raimondo Bellantoni

L’amministrazione comunale di Vibo Valentia ha aderito all’iniziativa “Giorno del Dono”, dedicato a chi fa del dono una pratica quotidiana e istituito il 4 Ottobre dall’Istituto Italiano della Donazione (IID) con la Legge n. 110 del 14/07/2015.
Il Contest della terza edizione #DonareMiDona Comuni”, realizzato dall’IID in collaborazione con l’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), è stato ideato con lo scopo di valorizzare l’Italia del bene e la sua capacità di reagire alle difficoltà mettendo al centro la bellezza del dono in tutti i suoi aspetti.

“Il progetto, rivolto a tutti i Comuni italiani, – spiegano gli assessori Silvia Riga, alle Politiche giovanili e Coesione, e Raimondo Bellantoni, alla Pubblica Istruzione e Cultura – nasce per diffondere la cultura del dono declinato nei suoi aspetti più diversi, coinvolgendo e rendendo protagonista la società tutta, a partire dalle Amministrazioni locali fino ai singoli cittadini che quotidianamente offrono qualcosa di sé alla collettività”.

Il comune di Vibo con delibera di Giunta ha aderito sia “moralmente”, come testimonial dell’iniziativa e sostenitore degli ideali, sia “territorialmente”, realizzando un programma di iniziative specifiche sul territorio che si terranno nelle due settimane del dono a partire dal 23 settembre fino all’8 ottobre 2017.

“Con il “Giorno del Dono” – continuano da Palazzo Razza gli assessori Riga e Bellantoni – viene dunque offerta a tutti l’opportunità di acquisire una maggiore consapevolezza del contributo che le scelte e le attività donative possono recare alla crescita della società, ravvisando in esse una forma di impegno e di partecipazione nella quale i valori primari della libertà e della solidarietà affermati dalla Costituzione trovano un’espressione altamente degna di essere riconosciuta e promossa”. E concludono: “La divulgazione del dono, nella sua forte valenza civica, sociale ed economica, vuole sensibilizzare i giovani e la collettività tutta ad essere sempre più aperti alla cultura della solidarietà e della coesione sociale, nella consapevolezza che la diffusione dei suoi ideali rappresenta un’importante passo verso una maggiore responsabilità civica”. 

Al fine di contribuire alla diffusione della cultura del dono e la promozione della coesione sociale attraverso la partecipazione attiva dei cittadini, il Comune di Vibo Valentia informa, pertanto, che sull’intero territorio comunale verranno realizzate quattro importanti iniziative da sabato 23 settembre a mercoledì 4 ottobre, in collaborazione con Scuole, associazioni e parrocchie.

La prima, inaugurata ieri, “Libro che prendi, libro che doni!” in Piazza Martiri d’Ungheria, lungo il perimetro della scuola “Garibaldi -Don Bosco”, dove sono state installate con la collaborazione della “Cooperativa Sud per l’Europa” delle piccole librerie gratuite in cui donare e prendere libri. Le altre tre iniziative saranno: “Donare è ECOsostenibile” il 4 Ottobre alle ore 11:00 presso il Parco delle Rimembranze che prevede l’installazione di una targa commemorativa per la donazione del chiosco alla Città dalla ditta “De Raco Costruzioni” e cerimonia di inaugurazione in collaborazione con la Prociv Augustus; “L’arte del dono”, un incontro-dibattito sul tema del dono e dei suoi valori nella società, nell’educazione e nella trasmissione alle nuove generazioni, in collaborazione con il Centro di Aggregazione Sociale e la Parrocchia Spirito Santo, che si svolgerà presso la sala del CAS il 4 ottobre alle ore 17:00; ed infine, “La Rete del Dono” domenica 8 Ottobre, che prevede la donazione e l’installazione di tre contenitori per la raccolta di mozziconi di sigarette nell’ambito del progetto “SmokeImpact” in collaborazione con il Rotaract Club Vibo Valentia.

Potrebbero interessarti

Quartiere Pennello a Vibo, approvato dalla giunta il progetto di Riqualificazione urbana
Processo al Catanzaro per illecito sportivo, chiesta retrocessione e tre punti di penalizzazione
Tentato omicidio dei carabinieri nel Vibonese, scarcerato il presunto boss del Poro