Minacciata e rapinata mentre si reca dal medico, due arresti a Cosenza

Cosenza Aggredita e rapinata mentre va dal medico con i figli minori
Facebooktwittergoogle_plusmail

La Polizia ha identificato i presunti rapinatori che avrebbero minacciato la donna davanti ai due figli minori appena entrata all’interno di un ascensore

La polizia ha arrestato, a Cosenza, due presunti rapinatori. Si tratta di Luigi Belladonna, 43 anni, e Monica Farsetta, 28 anni, accusati di rapina aggravata e violazione degli obblighi derivanti dal regime di sorveglianza speciale.

La rapina. Secondo quando ricostruito dagli investigatori il pomeriggio del 7 agosto scorso, in via Beato Angelo d’Acri, a Cosenza, una donna che si stava recando presso uno studio medico assieme ai suoi due figli minori, appena entrata all’interno dell’ascensore del palazzo, è stata affrontata da un individuo che l’ha bloccata e, dopo averla minacciata con una pistola, che asseriva di avere nascosta addosso, l’ha obbligata a consegnargli tutto il denaro che aveva nella borsetta (circa 300 euro) e la fede nuziale, fuggendo poi via.

Le indagini. Dalla descrizione fornita dai testimoni e grazie ad alcune videoriprese, si è arrivati all’identificazione dell’uomo, che era in compagnia di una donna, in attesa in auto. I due, già noti dalle forze dell’ordine, sono stati quindi fermati e il gip del Tribunale di Cosenza ha convalidato l’arresto applicando la misura cautelare per entrambi. Belladonna è quindi finito in carcere e mentre la Farsetta è stata sottoposta agli arresti domiciliari. 

Potrebbero interessarti

Catanzaro-Cosenza, derby ad alta tensione. Tifoso si denuda e rischia linciaggio
Dems si radicano in Calabria e arriva il ministro Orlando per suggerire la via maestra
Gioacchino-Piromalli-conferenza-operazione ‘Ndrangheta stragista, dalle carte dell’inchiesta il potere dei Piromalli