Arrestato a Nicotera il boss Luigi Mancuso. Era irreperibile dall’ottobre del 2014

Facebooktwittergoogle_plusmail

E’ stato individuato e fermato dai carabinieri mentre era a bordo di un’auto insieme ad un altro pregiudicato, denunciato per favoreggiamento

Nel primo pomeriggio di oggi le forze congiunte dei carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Vibo Valentia, della Compagnia di Tropea e della Stazione di Limbadi hanno posto fine all’irreperibilità di Luigi Mancuso, 63 anni, elemento di spicco dell’omonimo clan di Limbadi, nel Vibonese.

Mancuso, si era reso irreperibile dall’ottobre del 2014 pur non essendo stato emesso nei suoi confronti alcun provvedimento giudiziario. A conclusione di un intensa serrata attività di controllo del territorio, i carabinieri sono riusciti ad individuarlo e fermarlo a Nicotera, a bordo di autovettura condotta da un soggetto, pregiudicato per armi, denunciato a sua volta per il reato di favoreggiamento. Al termine delle formalità di rito, Luigi Mancuso, assistito dagli avvocati Francesco Sabatino e Giancarlo Pittelli, veniva infine associato presso la Casa Circondariale di Vibo Valentia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI QUI | ‘Ndrangheta: Cassazione conferma sorveglianza speciale per boss Luigi Mancuso

 

Potrebbero interessarti

Basta Vittime sulla statale 106, Checco Zalone aderisce all’associazione
Serie D, la composizione dei nove gironi. Ecco le avversarie della Vibonese
Vibo, rete idrica colabrodo. Forse in arrivo dalla Regione due milioni