La Calabria ricorda Dalida. A Serrastretta nasce un auditorium in suo nome

Facebooktwittergoogle_plusmail

Tutto pronto per la serata speciale organizzata in onore della cantante di origini calabresi nel piccolo centro di cui era originaria la famiglia dell’artista

La Regione, a trenta anni dalla sua scomparsa, ricorda la celebre la cantante calabrese Dalida, all’anagrafe Jolanda Gigliotti, con una serata speciale, dal titolo “Avec les temps”, che si terrà sabato 5 agosto, a partire dalle ore 20,30, a Serrastretta, il piccolo centro di cui era originaria la famiglia dell’artista.

Dalida è stata una degli artisti italiani più popolari all’estero negli anni sessanta e settanta, soprattutto in Francia, dove è sepolta e dove, ancora oggi è forte il suo ricordo. Nell’ultimo anno si è rinnovato in Italia e all’estero l’interesse del mondo dello spettacolo per l’artista scomparsa con produzioni televisive e spettacoli che ne hanno ripercorso la vicenda professionale ed umana.

La Regione, per volontà del presidente Oliverio, ha disposto – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – il finanziamento di un auditorium da realizzarsi a Serrastretta, a beneficio di tutto il comprensorio del Reventino, che porterà il nome di Dalida, con l’obiettivo di rafforzare i servizi alla cultura in una delle aree interne importanti della nostra regione.

Il tributo. Il presidente Oliverio parteciperà alla serata in onore di Dalida, che ha sempre fatto pubblico vanto delle sue origini calabresi, e alla quale prenderanno parte, assieme alla comunità locale guidata dal sindaco Felice Molinaro anche artisti di fama nazionale e conoscitori del talento della cantante scomparsa come l’autore ed esperto Cristiano Malgioglio, Silvia Mezzanotte, Maria Letizia Gorga, Carol Lauro. Ospiti direttamente dalla Francia saranno il nipote di Dalida, Luigi Gigliotti ed il presidente del fan club Dalida Forever, Thierry Savona

Potrebbero interessarti

SERIE A | Cutrone-show allo Scida ed il Milan travolge il Crotone
Operazione antibracconaggio, liberati 550 uccelli protetti. Denunciato un 69enne
L’Arpacal vuole smantellare i laboratori vibonesi. L’appello dei dipendenti