Colpi di kalashnikov contro un’auto, ferito giovane di Mileto. Movente ancora ignoto

Facebooktwittergoogle_plusmail

Proseguono le indagini da parte dei carabinieri, mentre oggi verosimilmente verrà dimesso dall’ospedale Jazzolino l’unica persona ferita leggermente alla nuca

Resta un giallo la sparatoria a colpi di kalashnikov avvenuta nei giorni addietro sulla Statale 18, alla periferia nord di Rosarno, in contrada Sovereto, a poche centinaia di metri dal ponte sul fiume Mesima, all’altezza del bivio per Candidoni, nella quale è rimasto lievemente ferito alla nuca il 45enne Vittorio Pileio. 

Nelle scorse ore, i carabinieri hanno ascoltato i giovani che erano con lui in macchina, ovvero, Giovanni Ciccia di 25 anni e Francesco lamari di 27 anni, entrambi di Mileto che non avrebbero riferito particolari ulteriori. Anzi, avrebbero ribadito di non essere nelle condizioni di dare altri ragguagli sulla vettura che li ha affiancati e dalla quale sono partiti i colpi di kalashnikov che hanno raggiunto la Peugeot 2018 condotta da Pileio. 

Quest’ultimo è ancora ricoverato per motivi precauzionali all’ospedale di Vibo Valentia ma con ogni probabilità verrà dimesso in giornata. Le indagini sono state affidare ai carabinieri di Mileto dove i tre risiedono e dei reparti investigativi di Vibo e della sezione operativa della Compagnia di Gioia Tauro. Il ferito è stato ascoltato a lungo dai militari dell’Arma che però non hanno potuto cogliere particolari significativi dal suo racconto per arrivare alle cause e al movente della sparatoria. 

Potrebbero interessarti

Bagnanti trovano cadavere di un anziano in mare. Deceduto per un malore
Vibo-Valentia-municipio-comune Rimpasto in Giunta al Comune di Vibo, fuori Scuticchio e Imeneo. L’Ambiente a Luciano
Danza, piccola coppia vibonese campione d’Italia nel latino-americano (VIDEO)