Verso Catanzaro-Vibonese, Franco Cittadino: “Al cuor non si comanda: tiferò giallorosso”

Franco-Cittadino
Facebooktwittergoogle_plusmail

Il tecnico catanzarese ha allenato i giallorossi ed ha anche vestito la maglia rossoblù negli anni settanta segnando due gol decisivi per la promozione in Serie D

C’è un catanzarese doc nella storia della Vibonese. Si chiama Franco Cittadino e il Catanzaro lo ha anche allenato. A Vibo è diventato un icona per via dei due gol messi a segno oltre quaranta anni fa nel corso di uno spareggio che regalò ai rossoblù la Serie D. Il passato non si scorda e la Vibonese resta lagato, ma al cuore non si comanda e Franco Cittadino domenica tiferà Catanzaro. “Sono giallorosso per nascita e appartenenza – dice al collega della Gazzetta del Sud Andrea Celia Magno – sono un tifoso del Catanzaro e domenica sarò al Ceravolo per sostenerlo, non potrei fare altrimenti e non potrei assolutamente tradire la fiducia degli ultras. Ogni volta che ho avuto l’onore di sedermi su quella panchina mi hanno sempre indicato come uno di loro”.

Calcisticamente Franco Cittadino è cresciuto nel Catanzaro dove ha allevato da allenatore generazioni di giallorossi in erba. Il suo pronostico è giallorosso. “Spero nella salvezza e sono convinto ce la faremo nonostante da un punto di vista tecnico possa sembrare abbastanza complicato. Gare come queste si vincono anche grazie all’entusiasmo e la Vibonese di recente ne ha acquisito un bel pò”. Oggi Cittadino è il vice di Fausto Silipo nella Nazionale Under 17 della Lega Dilettanti. Non ha mai dimenticato il suo passato da calciatore della Vibonese. “Ho giocato a Vibo per quattro anni e ho segnato i due gol della promozione in D nel ’73 agli spareggi con Morrone e Paolana. Il secondo lo siglai all’ultimo minuto dell’ultima partita e fu bellissimo”.

Potrebbero interessarti

Vibonese, le proteste contro l’arbitro costano una maxi-multa da 7.500 euro
Roberto Fico (M5S) a Pizzo per sostenere la candidata a sindaco Manduca
Il Crotone compie l’impresa e rimane in serie A. Nicola: “Nessuna favola, ci credevo”