Mileto, porte aperte al Parco archeologico

Facebooktwittergoogle_plusmail

Il Parco archeologico sarà aperto venerdì, sabato e domenica dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18

Unico nel suo genere in Calabria, lo scorso 13 maggio, ha finalmente aperto il Parco archeologico di Mileto. Ad accogliere gli ospiti i membri delle due associazioni coinvolte nella gestione del Parco, Mnemosyne e Medma, insieme al vescovo Luigi Renzo, al sindaco Antonio Crupi e all’assessore Attilio Schimenti. “Mileto – spiega una nota – possiede una grande risorsa, un sito archeologico di tutto rispetto, teatro di una storia importante. Grazie alla collaborazione virtuosa tra Comune, Soprintendenza e associazioni, oggi questo patrimonio  può  essere una grande opportunità per valorizzare il turismo e il territorio all’insegna della sostenibilità”.

“L’apertura di questo parco è il risultato della sinergia positiva di diversi attori. Professionisti di vari settori, istituzioni pubbliche, associazioni. Si applica la teoria dei giochi di John Nash, che gli valse il premio Nobel: il gruppo vincente è fatto da attori che fanno quel che è meglio per se stessi e per il gruppo. Si smette di essere individualisti e si rincorre un bene comune. Vogliamo inoltre dimostrare come le direttive della Convenzione di Faro del 2005 siano applicabili nello specifico caso del parco di Mileto. Ci impegneremo per dimostrare che una corretta gestione del nostro Patrimonio culturale può concretamente e qualitativamente migliorare la nostra vita sociale”, dichiara la presidentessa dell’associazione culturale Mnemosyne, Cristiana La Serra. Ad oggi è aperta la parte relativa all’Abbazia della SS. Trinità,  prestigioso capolavoro di architettura medievale che influenzerà i monumenti chiesastici successivi e l’universo etno-antropologico del territorio calabrese. Lino Licari, direttore del gruppo archeologico di Medma e guida naturalistica, per via di questioni lavorative che lo vedono impegnato sull’Aspromonte, è stato rappresentato da Concettina Petea, vicedirettrice dell’associazione, la quale ha dichiarato: “Il G.A.I Medma ringrazia tutti gli intervenuti per la loro gradita presenza. In particolare tutte le autorità che hanno avuto fiducia in noi e ci hanno fin qui sostenuto. Grazie all’associazione Mnemosyne, con la quale abbiamo istaurato un ottimo rapporto di collaborazione. Numerose le aspettative future e gli obiettivi prefissati dal gruppo con l’intento di raggiungere nuovi traguardi”. Il Parco archeologico sarà aperto venerdì, sabato e domenica dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 14 alle ore 18. Sarà possibile prenotare visite anche al di fuori dei giorni di apertura. “Un grazie speciale – conclude la nota – alla Protezione civile “Augustus” e a Calabria Verde per l’importante contributo pratico nel rendere fruibile il sito”.

Potrebbero interessarti

Il ponte sul fiume Savuto sarà appaltato in poche settimane
Raffica di controlli dei carabinieri di Rende: scattano denunce e multe in due bar
Crotone-Genoa si giocherà regolarmente allo Scida. Il sindaco firma l’autorizzazione