Operazione Jonny, scacco agli affari del clan Arena. 68 arresti e 16 indagati (NOMI-VIDEO)

Operazione-Jonny-foto-arresti
Facebooktwittergoogle_plusmail

Maxi inchiesta della Dda di Catanzaro, il business dei migranti e quello delle scommesse online. Tra le persone fermate c’è anche il parroco di Isola Capo Rizzuto, don Scordio

di GABRIELLA PASSARIELLO

La cosca Arena aveva messo per più di un decennio le mani sul centro di accoglienza immigrati “Cara” di Isola Capo Rizzuto, riuscendo ad accaparrarsi gli appalti indetti dalla Prefettura di Crotone per le forniture dei servizi di ristorazione con l’aiuto del governatore della “Fraternità di misericordia” Leonardo Sacco. Servizi affidati ad imprese costituite dagli Arena e da altre famiglie di ‘ndrangheta per spartirsi i fondi destinati all’accoglienza dei migranti. C’ è anche questo nel provvedimento di fermo, (vergato dal procuratore aggiunto della Dda Vincenzo Luberto e dai sostituti Domenico Guarascio e Vincenzo Capomolla sotto il coordinamento del procuratore capo Nicola Gratteri) che all’alba di stamattina ha portato la Squadre mobile delle Questure di Catanzaro e Crotone, i carabinieri del Ros e del Reparto operativo – Nucleo investigativo di Catanzaro e i Finanzieri del nucleo di Polizia Tributaria e della Compagnia di Crotone ad eseguire 68 arresti nell’ambito dell’operazione “Jonny”.  Sedici gli indagati a piede libero. Tutti accusati a vario titolo di estorsione, associazione di stampo mafioso, porto e detenzione illegale di armi, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e altri reati di natura fiscale.




Le scommesse on line. L’inchiesta ha permesso di provare che la potente famiglia di ‘ndrangheta ha acquisito e mantenuto una “posizione dominante” nel settore della raccolta delle scommesse on line e del noleggio degli apparecchi da intrattenimento nella città di Crotone e nel suo hinterland, conseguendo enormi profitti, alterando gli equilibri e precludendo l’accesso ad altri operatori commerciali. In particolare la società bookmaker “Centurion Bet Ltd”, attiva nel settore delle scommesse, operante in Italia con oltre 500 agenzie e ramificata in tutto il mondo, avrebbe messo a disposizione,  grazie al barese Francesco Martidonna, i propri circuiti di gioco on line alla società Kroton Games, attiva nella provincia di Crotone ed espressione commerciale della cosca Arena, determinando volumi di fatturato, sottratti al fisco, per decine di milioni di euro.

La longa manus della cosca nel capoluogo. La cosca Arena, secondo le risultanze investigative, aveva imposto la propria presenza anche sull’area jonica della provincia di Catanzaro dove o attraverso i suoi affiliati o per mezzo di fiduciari o con il sostegno di cosche alleate, aveva monopolizzato il business delle estorsioni ai danni di esercizi commerciali e imprese anche impegnate nella realizzazione di opere pubbliche. Tra il 2015 ed il 2016 infatti, in particolare a Catanzaro e nei comuni di Borgia e Vallefiorita, una cellula della cosca, dipendente dalla cosca madre di Isola Capo Rizzuto ma radicata nel capoluogo, aveva messo a segno una serie infinita di danneggiamenti a fini estorsivi per esercitare il controllo sull’area.

I NOMI DEGLI 84 INDAGATI

Armando Abbruzzese, detto “Piti Piti, 33 anni, Catanzaro

Salvatore Abbruzzo, alias “Tubetto”, 40 anni, Catanzaro

Antonio Francesco Arena, 26 anni, Crotone

Fabrizio Arena, 37 anni, Crotone

Francesco Arena, 38 anni, Crotone

Francesco Antonio Arena, detto “Antonio, 37 anni, Isola Capo Rizzuto

Francesco Arena, 57 anni, Isola Capo Rizzuto

Giuseppe Arena, detto “tropeano”, 51 anni, Isola Capo Rizzuto

Giuseppe Arena, 31 anni, Isola Capo Rizzuto

Pasquale Arena, detto “nasca”, 60 anni Isola Capo Rizzuto

Pasquale Arena, 25 anni, Isola Capo Rizzuto

Salvatore Arena, alias “Scrucco”, 58 anni, Isola Capo Rizzuto

Salvatore Arena, alias “ricchia”, 48 anni, Isola Capo Rizzuto

Luciano Babbino, 38 anni, Catanzaro

Francesco Bruno, 47 anni, Vallefiorita

Leonardo Catarisano, detto Nando, 63 anni, Borgia

Salvatore Colacchio, 45 anni, Isola Capo Rizzuto

Giuseppe Cosco, 37 anni, Catanzaro

Mario Guareri, 54 anni, Isola Capo Rizzuto,

Salvatore Danieli, detto Turi, 33 anni, Catanzaro

Raffaele Di Gennaro, alias “Lello”, 46 anni Crotone

Domenico Falcone, detto “Mimmo” , 44 anni, Catanzaro

Salvatore Foschini, 55 anni, Crotone,

Luigi Gareri, alias “giobbo”, 59 anni, Isola Capo Rizzuto

Fiore Gentile, 32 anni Crotone,

Francesco Gentile, 58 anni, Isola Capo Rizzuto

Tommaso Gentile, 37 anni, Crotone

Antonio Giglio, 40 anni, Catanzaro

Nicolino Gioffrè, 42 anni, Taurianova

Aurelio Giordano, 48 anni, Isola Capo Rizzuto

Lorenzo Giordano, 55 anni, Isola Capo Rizzuto

Aldo Giordano, 54 anni, Isola Capo Rizzuto

Vincenzo Godano, 29 anni, Crotone

Maurizio Greco, alias “spinzu”, 37 anni, Isola Capo Rizzuto

Francesco Gualtieri, 37 anni, Catanzaro

Andrea Guarnieri, 23 anni, residente a Borgia

Leye Kane, detto “Marco”, 36 anni, residente a Catanzaro

Paolo Lentini, alias “pistola”, 53 anni, Crotone

Nicola Lentini, 29 anni, Cariati

Rosario Lentini, alias “liborio”, 57 anni, Isola Capo Rizzuto

Vincenzo Lentini, di Paolo, 27 anni, residente a Isola

Giuseppe Lequoque, alias “Peppe cannuto”, 73 anni, di Isola

Costantino Lionetti, 44 anni, residente a Catanzaro

Francesco Mammone, 38 anni, residente a Squillace

Antonio Manfredi, alias “mussutu” o porziano, 39 anni, residente a Isola

Francesco Mariradonna, 44 anni, Bari

Luigi Miniaci, 42 anni, Catanzaro

Santo Mirarchi, 33 anni, Catanzaro

Pasquale Morelli, alias “cavuzi larghi” 70anni, di Isola

Pasquale Morelli, 25 anni, residente a Isola

Fortunato Pirrò, alias “borzetta”, 48 anni, di Isola

Antonio Pompeo, 49 anni di Isola,

Giuseppe Pullano, alias “tifune” o “molla”, 55 anni, di Isola

Domenico Riillo, alias “trentino” 58 anni, di Isola,

Francesco Romano, 35 anni, Crotone

Salvatore Romano, 67 anni, residente a Crotone

Pietro Romeo, 50 anni, Cropani

Antonio Saporito, 39 anni, residente a Petilia

Francesco Taverna, 43 anni, nato a Crotone

Roberto Valeo, alias “killer”, residente a Borgia

Antonio Poerio, 46 anni, di Isola,

Domenico Poerio, 43 anni, residente a Isola

Fernando Poerio, 51 anni, di Isola

Pasquale Poerio, 43 anni, di Isola

Leonardo Sacco, 38 anni, residente a Isola

Edoardo Scordio, 70 anni, residente a Isola

Maria Lanatà, 45 anni, di Isola

Francesco Cantore, 42 anni, residente a Cirò

Aurora Cozza, 45 anni, di Isola

Salvatore De Furia, 43 anni, Catanzaro

Luigi Manfredi, alias “Gino Porziano”, 74 anni, residente a Isola

Mario Manfredi, 26 anni, di Isola

Domenico Mercurio, 47 Crotone

Angelo Muraca, 58 anni, di Isola

Stefania Muraca, 38 anni, di Isola

Beniamino Muto, 45 anni, di Isola

Benito Muto, 43 anni, residente a Isola

Domenico Nicoscia, 39 anni, residente a Isola

Pasquale Nicoscia, 26 anni, di Isola

Salvatore Nicoscia, 45 anni, di Isola

Mario Ranieri, 37 anni, di Isola

Ercolino Raso, 45 anni, di Isola

Santo Tipaldi, 39 anni, residente a Boretto

Antonio Poerio, 36 anni, di Isola



LEGGI QUI | Smantellata la cosca Arena, sequestri milionari e 68 arresti in Calabria (VIDEO)

LEGGI QUI | Operazione Jonny, gli affari di Sacco, il business dei migranti e quella foto con il ministro Alfano

LEGGI QUI | Operazione “Jonny”, estorsioni a tappeto della cosca Arena nel Catanzarese

LEGGI QUI | Operazione Jonny, sigilli ad un patrimonio milionario. L’elenco dei beni sequestrati

LEGGI QUI | Le mani del clan di Roccelletta su discoteche e campeggi. Le dichiarazioni dei pentiti

Potrebbero interessarti

Serie-D SERIE D | Vibonese e Troina sole in testa, passo falso della Nocerina (RISULTATI E CLASSIFICA)
Esposto del Movimento 5 Stelle: “Pacenza non ha i requisiti per fare il consulente alla Regione”
Falsi Braccianti Truffa dei braccianti agricoli all’Inps e all’Ue, cinque condanne e 17 assoluzioni