Provincia Vibo, quasi tre gli stipendi arretrati. Incontro con il prefetto

provincia-vibo-protesta
Facebooktwittergoogle_plusmail

Insieme al capo dell’Utg si è fatto il punto della situazione, in merito agli stipendi ma pure ai servizi da garantire al territorio

Continuano ad accumularsi le spettanze arretrate per i lavoratori della Provincia. Dopo il pagamento di una sola mensilità stipendiale, accordato poco prima di Pasqua (LEGGI QUI), sta per scattare (per la precisione tra 5 giorni) la terza retribuzione arretrata. Una situazione, quella relativa ai pagamenti riconosciuti a singhiozzo, per la quale questa mattina il presidente della Provincia Andrea Niglia, il segretario Cesare Pelaia e gli rsu Carmine Armellino e Rossella Paglianiti hanno incontrato il prefetto Guido Longo. Insieme al capo dell’Utg si è fatto il punto della situazione, in merito agli stipendi ma pure ai servizi da garantire al territorio.

Le strade. Due le strade al momento praticabili: l’una regionale, l’altra governativa. Con la Regione, infatti, da quanto emerso, è in atto una trattativa finalizzata all’invio di alcuni fondi, che, se trasmessi, consentirebbero il pagamento di parte delle mensilità arretrate. Con il Governo, a livello ministeriale, è invece in atto una mediazione finalizzata all’ottenimento di una soluzione definitiva del problema. La Provincia, infatti, da tempo chiede una sorta di decreto “salva-Vibo”, che possa ridare respiro all’Ente, attraverso, per esempio, un congelamento dei mutui.

L’impegno. “Il prefetto – riferisce l’rsu Armellino – ha dato garanzia del suo impegno per aiutarci di volta in volta ad ottenere delle spettanze. Il tutto in attesa di un intervento ministeriale, che si configura necessario ormai a livello nazionale, per tutte le Province”. Dopo un breve momento di confronto, i lavoratori hanno deciso di continuare ad affidarsi al prefetto, eventualmente aggiornandosi a mercoledì, con una nuova assemblea del personale. (i.l.)

Potrebbero interessarti

Business migranti, nominata commissione d’accesso antimafia ad Isola Capo Rizzuto
museo reggio calabria Il Tar boccia la nomina del direttore del Museo di Reggio
Tour romano per la Saint Michel e visita a Montecitorio