Ovuli di droga nascosti nello stomaco, portato in ospedale e poi arrestato dalla Finanza

Facebooktwittergoogle_plusmail

Con il quantitativo di eroina acquistato lo spacciatore sperava di guadagnare oltre 16mila euro, ma ha rischiato di morire

I finanzieri del comando Provinciale della Guardia di Finanza di Cosenza, nel corso dei
quotidiani controlli antidroga, hanno tratto in arresto un soggetto per spaccio di sostanze
stupefacenti e sequestrato oltre 60 grammi di eroina.

Il controllo. Le fiamme gialle cosentine hanno recentemente intensificato i posti di controllo, in prossimità degli svincoli autostradali della provincia, nel corso dei quali sono stati fermati oltre trecento automezzi ed ispezionate oltre quattrocentocinquanta persone. Nel corso degli interventi veniva fermato nelle vicinanze dello svincolo autostradale di Cosenza il conducente di un’autovettura proveniente dalla zona del Casertano che percorreva il tragitto di rientro in città a velocità sostenuta.




Eroina nascosta nello stomaco. Avviato il controllo l’individuo manifestava un evidente stato di tensione psico-fisica che traspariva dalla presenza di pupille dilatate e occhi arrossati, tipici di chi utilizza abitualmente sostanze stupefacenti. L’immediato riscontro di eventuali precedenti di polizia alle banche dati in uso al Corpo evidenziava la presenza di numerose denunce a carico del soggetto che inducevano i finanzieri calabresi ad eseguire un’ispezione del mezzo di trasporto con l’ausilio delle unità cinofile. Il soggetto, resosi conto di essere stato scoperto e di essere in pericolo di vita, segnalava di aver ingerito sostanza stupefacente e veniva immediatamente accompagnato presso in ospedale.
I conseguenti esami diagnostici permettevano di rinvenire, all’interno dell’organismo
dell’uomo, diversi ovuli imbottiti di 60 grammi di eroina e di attivare le conseguenti
procedure di espulsione della droga, necessarie per la messa in sicurezza della vita umana.

L’arresto. Con il quantitativo di eroina acquistato lo spacciatore sperava di realizzare oltre 300 “dosi”, che gli avrebbero fruttato guadagni per oltre 16mila euro. Tratto in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti rischia la pena della reclusione da un minimo di 6 ad un massimo di 20 anni. Prosegue l’attività della Guardia di Finanza calabrese a contrasto del trasporto occulto di stupefacenti tramite ovuli ingeriti, peraltro molto pericoloso per la salute degli stessi “ovulatori “, esposti al rischio di rottura degli ovuli, realizzati con materiali di fortuna e poco resistenti, ed alla conseguente diffusione diretta della droga nell’organismo.

Potrebbero interessarti

Davoli, avanti tutta per i lavori di sicurezza sulla provinciale 128
Catanzaro-Lecce SERIE C | Tonfo del Catanzaro al Ceravolo. Il Lecce cala il tris in 45′ (VIDEO)
consigliere d'agostino Alchemia, chiesti 3 anni di carcere per il consigliere regionale D’Agostino