‘Ndrangheta e processioni religiose, il vescovo di Locri: “E’ un business”

processione
Facebooktwittergoogle_plusmail

La denuncia di monsignor Francesco Oliva: “Noi vietiamo la raccolta di denaro, ma qualcuno pretende che si faccia per alimentare il malaffare”




“La ‘ndrangheta vuol far sentire il proprio potere in campo religioso”. Lo afferma monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, in un’intervista al Corriere della sera dopo la denuncia delle mafie pronunciata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Manifestazioni come le processioni sono ormai svuotate di contenuti religiosi. Noi vietiamo la raccolta di denaro ma qualcuno pretende che si faccia. Perché deve poi investirlo in vari business che non c’entrano alcunché con le iniziative caritatevoli. E’ tutto bloccato da vecchie, anacronistiche tradizioni che alimentano il malaffare. E questo e’ solo un esempio”.

Potrebbero interessarti

Guasto idrico nel Vibonese, al lavoro i tecnici della Sorical
Tennis, gli allievi del maestro vibonese Carlo Rombolà in evidenza al Babolat 2017
Movimento nazionale per la sovranità, De Angelis coordinatore nel Vibonese