‘Ndrangheta e processioni religiose, il vescovo di Locri: “E’ un business”

processione
Facebooktwittergoogle_plusmail

La denuncia di monsignor Francesco Oliva: “Noi vietiamo la raccolta di denaro, ma qualcuno pretende che si faccia per alimentare il malaffare”




“La ‘ndrangheta vuol far sentire il proprio potere in campo religioso”. Lo afferma monsignor Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, in un’intervista al Corriere della sera dopo la denuncia delle mafie pronunciata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Manifestazioni come le processioni sono ormai svuotate di contenuti religiosi. Noi vietiamo la raccolta di denaro ma qualcuno pretende che si faccia. Perché deve poi investirlo in vari business che non c’entrano alcunché con le iniziative caritatevoli. E’ tutto bloccato da vecchie, anacronistiche tradizioni che alimentano il malaffare. E questo e’ solo un esempio”.

Potrebbero interessarti

Scrutatori Presila unita, vince nettamente il Sì al referendum
Acqua pubblica, sit-in di protesta davanti ai cancelli di Sorical (VIDEO)
Saldi Al via i saldi di fine stagione: in Calabria si protrarranno fino al 28 febbraio
Tumori-in-età-pediatrica Catanzaro, Registro tumori: dati incidenza in età pediatrica in monografia internazionale
natarium Un concorso di idee per architetti. Ai vincitori seimilacinquecento euro
Omicidio Ciriaco, chiesti dieci anni di carcere per il collaboratore di giustizia Michienzi
Il corteo dei re Magi al Duomo di Vibo: una tradizione che si rinnova (FOTO)
portiere-aggredito-in-campo Portiere aggredito in campo a calci e pugni, Corte sportiva con gli occhi bendati
“Intra Terras”, borghi italiani tra memoria e valorizzazione: se ne discute a Soriano
ospedale-sanita Manager in Sanità, si volta pagina. Chi non raggiunge gli obiettivi va a casa
fabio scavo L’Arpacal con gli studenti dell’istituto “Galilei” di Lamezia Terme
Giornata nazionale del paesaggio, riconoscimento alla Calabria
Nicolas-Alan-Barillaro Oscar 2017, l’Italia vince con Piper grazie al calabrese Alan Barillaro