L’Arpacal con gli studenti dell’istituto “Galilei” di Lamezia Terme

fabio scavo
Facebooktwittergoogle_plusmail

Al via il progetto di alternanza scuola- lavoro dal titolo “La tutela del benessere collettivo”, che vede coinvolti 29 studenti

Ha preso il via questa mattina il progetto di alternanza scuola-lavoro dell’Arpacal al liceo scientifico Statale “Galileo Galilei” di Lamezia Terme; il progetto, intitolato “La tutela del benessere collettivo” , vede coinvolti 29 studenti della classe IV sezione C per un totale di 10 incontri formativi direttamente sui luoghi in cui i tecnici Arpacal svolgono le attività istituzionali: nei laboratori oppure sul territorio nei casi di monitoraggi delle diverse matrici ambientali. Il saluto ai tecnici Arpacal è stato dato dalla dirigente scolastica dell’istituto,  Caterina Calabrese, che ha ringraziato l’Agenzia per la disponibilità ad attivare un percorso di alternanza scuola-lavoro per dare ai ragazzi non solo contezza del mondo lavorativo ma anche conoscenza di realtà spesso non conosciute. Calabrese ha ringraziato le docenti Maria Gabriella Rizzo e Marisa Bruno che seguono, rispettivamente per l’istituto e la classe, il progetto di alternanza scuola-lavoro, ed il dr. Pietro De Sensi, presidente del Consiglio d’Istituto. 

Sui banchi di scuola. La prima lezione si è tenuta questa mattina nel Liceo “G. Galilei” di Lamezia Terme:  Claudia Morabito, referente per il dipartimento di Catanzaro dell’Arpacal del Servizio di Educazione orientata alla Sostenibilità nonché responsabile dei tirocini presso l’Agenzia, ha introdotto sulla finalità del progetto, ma anche sulle prospettive occupazionali per le figure scientifiche in Italia, per poi analizzare come è strutturata sul territorio l’Arpacal e quali competenze svolge.  Fabio Scavo, comunicatore pubblico dell’Arpacal e giornalista, ha illustrato ai ragazzi le attività di informazione e comunicazione dell’Agenzia, focalizzando sul rapporto con i Media, ma anche su quali profili social l’Arpacal ha attivato dal 2013 ad oggi: Facebook, Google+, Twitter, Instagram e presto i canali su Whatsapp e Telegram. La  Cristiana Simari Benigno, coordinatrice del Gruppo GPP (Green Public Procurement) dell’Arpacal nonché responsabile del nodo Emas – Ecolabel, ha illustrato agli studenti la materia dei marchi ecologici, le convenienze che discendono dall’acquisto di prodotti a marchio “verde”, nonché le ultime novità per le pubbliche amministrazioni che, in base al nuovo codice degli Appalti, sono obbligate ad acquistare “green”. Il percorso di Alternanza Scuola-Lavoro dei ragazzi del “Galilei” di Lamezia Terme proseguirà domani nel Centro Funzionale Multirischi dell’Arpacal a Catanzaro, e nei prossimi giorni con delle visite guidate nei laboratori bionaturalistico e fisico del dipartimento di Catanzaro dell’Arpacal, ma anche con delle uscite “in esterna” con i tecnici dell’Agenzia per attività di monitoraggio e controllo.

Potrebbero interessarti

Nuovi collegamenti aerei per la Calabria, arrivano 12 milioni di euro
Ospedale di Tropea Tempi biblici per visita specialistica a Tropea, Nesci (M5S): “E’ gravissimo”
Vibo Valentia S.Aloe Il dilemma tutto vibonese, Sant’Aloe o Stanislao D’Aloe?
ministero del lavoro Lavoro, addio ai “voucher” in Calabria all’insegna del boom
La ‘nduja di Luigi Caccamo vince il Campionato italiano del salame
spiaggia tropea Classifica “Tripadvisor” 2017, la spiaggia di Tropea è tra le più belle d’Italia
Juvestabia-Catanzaro LEGA PRO | Il Catanzaro sfiora il colpaccio in casa della Juve Stabia. Ecco la nuova classifica
Omicidio Ciriaco, chiesti dieci anni di carcere per il collaboratore di giustizia Michienzi
Don-Ciotti-a-Vibo Libera, don Ciotti incontra Vibo: “Il cambiamento ha bisogno di noi” (FOTO)
Guardia di Finanza, sequestri a Gioia Tauro Azienda “fantasma” e finti dipendenti per ottenere la pensione: raffica di denunce
Capodanno da record: boom di visite al Museo archeologico di Reggio Calabria
Danni per i nubifragi, l’allarme del presidente del Consorzio di bonifica
“Comicità in teatro”, a Rende Gabriele Cirilli con “Tale e quale a me”