Soriano, ritrovati dipinti dispersi dopo sisma del 1783: Bartone scrive ad Oliverio

Facebooktwittergoogle_plusmail

Il sindaco di Soriano Calabro, Francesco Bartone, ha scritto al presidente della Regione, Mario Oliverio, per far presente “la necessità di acquisire sei dipinti antichi, riferiti a Mattia e Gregorio Preti, Pietro Negroni, Girolamo Imparato, Paolo De Matteis un tempo appartenuti alla famosa “Quadreria” del Convento dei Domenicani di Soriano Calabro e dispersi dopo il terremoto del 1783”.

La richiesta. “Rintracciati e identificati – si spiega in una nota – dal prof. Mario Panarello, storico dell’arte, presso un antiquario di Napoli, sarebbe cosa importante – si legge nella missiva – per la Calabria tutta, l’acquisto e destinarli alla prestigiosa Pinacoteca Civica di Soriano Calabro, ove sono custodite importanti opere antiche visitate ogni anno da migliaia di turisti e intellettuali”. La richiesta del sindaco sorianese è stata portata anche all’attenzione dei consiglieri regionali “al fine di attivarsi per portare a compimento positivamente l’operazione di acquisto (duecento mila euro) altrimenti si disperderebbe per sempre un pezzo di storia identitaria della Calabria”.

Potrebbero interessarti

mangialavori- Lavoratori ex Eurocoop, Mangialavori (FI): “Regione valuti l’inserimento”
carabinieri catanzaro Spaccio di eroina e cocaina, un arresto nel Catanzarese
Il Catanzaro atteso nella bolgia del “Luigi Razza”. Campilongo: “Serve l’ultimo passo”