Lascia il cane incustodito, rintracciato aggredisce e minaccia i carabinieri

carabinieri
Facebooktwittergoogle_plusmail

I carabinieri della Stazione di Santo Stefano in Aspromonte hanno tratto in arresto un 52enne del luogo già noto alle forze dell’ordine, F.M., colto in flagranza per minaccia e resistenza a un pubblico ufficiale. L’uomo è stato anche denunciato per porto illecito di oggetto atto ad offendere.

Il 52enne avrebbe minacciato ripetutamente i militari che erano intervenuti in centro dopo una serie di chiamate al “112” da parte di numerosi cittadini. I carabinieri lo avevano rintracciato dopo che aveva lasciato incustodito un cane, un pastore tedesco di sua proprietà, creando così allarme tra i residenti.

All’atto del controllo, però, l’uomo ha spintonato ripetutamente e minacciato gli agenti che, così, lo hanno bloccato e arrestato. Perquisito è stato trovato con un coltello a serramanico di 18 cm e dopo le formalità sottoposto ai domiciliari in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo.

Potrebbero interessarti

chef cosentini premiati Saperi e sapori, riconoscimento a chef del Cosentino
Vibo, caos e disagi alla sezione Lavoro del tribunale. Monta la protesta degli avvocati (FOTO)
Juvestabia-Catanzaro LEGA PRO | Il Catanzaro sfiora il colpaccio in casa della Juve Stabia. Ecco la nuova classifica
Quei magnifici anni ’60, Luigi Tenco tra passato e presente
Danni per i nubifragi, l’allarme del presidente del Consorzio di bonifica
Violenta le figlie una delle quali minorenne, un arresto nel Soveratese
Spopolamento aree interne, l’iniziativa per un confronto a San Nicola da Crissa
Mense ospedaliere in crisi, a Vibo i costi più elevati della Calabria
fabio scavo L’Arpacal con gli studenti dell’istituto “Galilei” di Lamezia Terme
Regione, per il futuro dei giovani nasce la “Comunità educante”
Vibo, torna il grande teatro. In scena Sandra Milo con “100 metri quadri”
Scuole, “Una Terra d’a…Mare” per i giovani studenti di Vibo
spiaggia tropea Tropea, la Campagna dei consumatori autorizzata dal Comune e quella multa dei Vigili