Lascia il cane incustodito, rintracciato aggredisce e minaccia i carabinieri

carabinieri
Facebooktwittergoogle_plusmail

I carabinieri della Stazione di Santo Stefano in Aspromonte hanno tratto in arresto un 52enne del luogo già noto alle forze dell’ordine, F.M., colto in flagranza per minaccia e resistenza a un pubblico ufficiale. L’uomo è stato anche denunciato per porto illecito di oggetto atto ad offendere.

Il 52enne avrebbe minacciato ripetutamente i militari che erano intervenuti in centro dopo una serie di chiamate al “112” da parte di numerosi cittadini. I carabinieri lo avevano rintracciato dopo che aveva lasciato incustodito un cane, un pastore tedesco di sua proprietà, creando così allarme tra i residenti.

All’atto del controllo, però, l’uomo ha spintonato ripetutamente e minacciato gli agenti che, così, lo hanno bloccato e arrestato. Perquisito è stato trovato con un coltello a serramanico di 18 cm e dopo le formalità sottoposto ai domiciliari in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo.

Potrebbero interessarti

don Marcello Cozzi Catanzaro, presentato il libro di don Marcello Cozzi (VIDEO)
Innovazione, bando Progetti R&S: 276 le domande, contributi per 108 milioni
#STORIE | Quel 15 febbraio del 2010, la frana di Maierato: “Così la collina venne giù” (VIDEO)
carabinieri1 Tenta una rapina in abitazione e oppone resistenza ai carabinieri, arrestato
Mileto, l’incontro tra due giovani e “il mostro di Presinaci”
Palazzo Campanella Dolce artigianale: al via a Reggio Calabria la rassegna-concorso
Cgia: “Nella Pubblica amministrazione si ammala 1 dipendente su 2”
Il mercato francesce sceglie il gusto e la qualità dell’agroalimentare vibonese
Innovazione, bando Progetti R&S: 276 le domande, contributi per 108 milioni
io autentico Vibo: all’associazione “Io autentico” il premio milanese di solidarietà
Week end lunghi e mini-vacanze: benvenuto 2017, l’anno dei ponti
Crotone ancora sconfitto, l’ex Gasperini non fa sconti, Nicola: “Puniti al primo errore”
Soldi Economia Fisco, lavoro nero e Pil irregolare: la Calabria è “da primato”