‘Ndrangheta, sequestro milionario della Dia ad alcuni imprenditori calabresi in Toscana

dia
Facebooktwittergoogle_plusmail

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Firenze

Un patrimonio stimato in oltre 5 milioni di euro è stato sequestrato dalla Direzione investigativa antimafia di Firenze a tre imprenditori calabresi che operano in Toscana. La Dia, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito a loro carico – ma anche sui rispettivi familiari – una serie di complesse indagini in relazione ad un presunto riciclaggio. Gli investigatori ritengono pertanto di poter dimostrare non solo che siano state effettuate delle movimentazioni ingenti di capitali ed investimenti immobiliari, considerati il frutto di reati fiscali e di altre attività illecite, a fronte di redditi esigui dichiarati ma anche dei legami degli stessi imprenditori con la ‘ndrangheta calabrese. Il provvedimento di sequestro è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Firenze.

Potrebbero interessarti

Erasmus, modelli formativi a confronto: il “Colao” di Vibo fa tappa in Finlandia (FOTO)
pianorai Piano Rai: “Il Tg regionale della Calabria tra i migliori d’Italia”
Regione, studenti in visita a palazzo Campanella
Vibo, torna il grande teatro. In scena Sandra Milo con “100 metri quadri”
Criminalità organizzata sui social, ConDivisa: istituito l’osservatorio per il monitoraggio
Mense ospedaliere in crisi, a Vibo i costi più elevati della Calabria
Mario Oliverio Europa a 60 anni dai Trattati di Roma, Oliverio: “Serve politica di coesione”
“Melaverde” in Calabria: la trasmissione fa tappa tra Rosarno e Gioia Tauro
Max Vigneri Notte d’autore, appuntamento con Max Vigneri a Catanzaro
Fisco, 502mila nuove partite Iva nel 2016. In Calabria -5,4 per cento
Panico a Filadelfia, tettoia in fiamme e palazzo evacuato: distrutte tre auto (FOTO)
#STORIE | Il pugile di Vibo soprannominato Flash: Giovanni Parisi, campione per sempre
Lamezia, la Deca non ci sta: “il depuratore funziona. Dati Arpacal fuorvianti”