Cosenza, tensione all’ospedale “Annunziata”: guardie giurate prese a calci e pugni

Facebooktwittergoogle_plusmail

Una persona è stata arrestata e un’altra è stata denunciata, rispettivamente per resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale, e resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di L S., 29enne già noto alle forze dell’ordine per rapina, furto e con una misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Messina, e G. O. 49enne.

Verso le 10 di questa mattina la volante e il reparto prevenzione crimine Calabria settentrionale, sono stati inviati all’ospedale Annunziata per una aggressione nei confronti di alcune guardie giurate. Gli operatori di polizia giunti sul posto, hanno trovato i due che avrebbero preso le guardie a calci e pugni due. In particolare uno avrebbe colpito con una testata al volto una Guardia Giurata, provocandole la rottura del setto nasale. Gli agenti hanno quindi bloccato i due uomini, in evidente stato di ebrezza alcolica.

Poi gli agenti hanno ricostruito la vicenda scoprendo che le Guardie Giurate avrebbero invitato i due a lasciare i locali del locale Ospedale, perché intenti a bivaccare, bevendo alcolici e fumando in luoghi ospedalieri non consentiti, nonchè ad importunare le persone presenti all’interno dell’ospedale. All’invito i due avrebbero prima resistito e subito dopo reagito con una violenta aggressione sia nei confronti delle stesse guardie giurate che degli operatori di Polizia intervenuti in un secondo momento.

I due, accompagnati presso gli uffici della Questura, erano censiti penalmente da precedenti di polizia. Alla luce dei fatti accaduti L.S., è stato arrestato per resistenza e lesioni aggravate, mentre G.O. è stato denunciato all’A.G per resistenza a Pubblico.

Potrebbero interessarti

Danni per i nubifragi, l’allarme del presidente del Consorzio di bonifica
La Tonno Callipo e la Drum Band che ha fatto impazzire il PalaValentia (VIDEO)
mago-truffa-lamezia Cyberbullismo e social network, campagna educativa della Polizia
Spopolamento aree interne, l’iniziativa per un confronto a San Nicola da Crissa
Meteo: l’anticiclone Zefirus porta il sereno, salvo qualche pioggia in Calabria
Violenta le figlie una delle quali minorenne, un arresto nel Soveratese
Processo “Alto Piemonte”, il boss Saverio Dominello si dissocia dalla ‘ndrangheta
Lamezia, la Deca non ci sta: “il depuratore funziona. Dati Arpacal fuorvianti”
Viminale Amministrative, il Viminale: al voto domenica 11 giugno. Alle urne 83 Comuni calabresi
Scuola, promosso a Pizzo un progetto di educazione allo sport
SitoWeb-vecchio-amaro-del-capo Nuovo riconoscimento per la Distilleria Caffo: l’Amaro del Capo spopola sul web
Il corteo dei re Magi al Duomo di Vibo: una tradizione che si rinnova (FOTO)
Fisco, a gennaio circa 74mila nuove partite Iva: Calabria sul podio