Sequestro Scopelliti, parla la moglie Barbara: “Operazione tracciabile”

barbara-varchetta
Facebooktwittergoogle_plusmail

La coniuge dell’ex governatore della Calabria chiarisce: “Nessuna volontà a sottrarsi ai creditori, ma movimenti giustificati da esigenze personale e familiari”

“Con riferimento alla notizia relativa al provvedimento di sequestro eseguito a mio carico, apparsa sulle principali testate giornalistiche, ritengo doveroso precisare come la finalità della operazione bancaria eseguita non sia assolutamente da riconnettersi alla volontà di sottrarre beni alla legittima esecuzione dei creditori bensì giustificata da esigenze personali e familiari”. Lo afferma, in una nota, Barbara Varchetta, moglie dell’ex Governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti, alla quale sono stati sequestrati beni per 100 mila euro.

“A dimostrazione di ciò, infatti – prosegue – giova precisare come l’operazione oggetto di contestazione sia stata effettuata per il tramite di operatori finanziari autorizzati – istituto di credito – con modalità che l’hanno resa perfettamente tracciabile. Ove la mia volontà fosse stata di segno opposto, ben altre sarebbero state le modalità della mia condotta e, al contempo, non sarebbero state precedentemente offerte ampie garanzie a tutela dei creditori interessati. Resto fiduciosa nell’operato della magistratura, i cui rimedi processuali sono stati già azionati dai miei legali”.

Potrebbero interessarti

La Palmese perde il derby ed anche l’allenatore. Esonerato Pellicori
Case della Salute, firmate dalla Regione le convenzioni per quattro centri
Abusivismo edilizio a Vibo, controlli serrati della polizia municipale: una denuncia