Catanzaro, interi quartieri senz’acqua: in serata prevista normalizzazione

acqua
Facebooktwittergoogle_plusmail

Sono ancora in corso le operazioni di riempimento dei serbatoi. A causa della riduzione della portata dell’acqua sospesa il servizio idrico in altre zone

Entro la serata è prevista la normalizzazione del servizio idrico nelle zone ch,e da questa mattina, sono state interessate dall’interruzione dell’acqua: Piterà, Ianò, Pontegrande, Pontepiccolo, Madonna dei Cieli (da via Luigi Rossi a via Indipendenza), Mater Domini e Sant’Antonio. Lo ha comunicato l’ufficio acquedotti di Palazzo De Nobili, specificando che attualmente sono ancora in corso le operazioni per consentire il riempimento dei serbatoi. Lo stesso ufficio ha reso noto che, a causa della riduzione della portata dell’acqua, si è resa necessaria la sospensione del servizio idrico nelle zone di Siano, Siano Chalet e S. Janni per consentire il riempimento dei serbatoi e garantire la normale erogazione nella mattinata di domani.

Potrebbero interessarti

VOLLEY | Non solo Superlega, la Callipo si coccola i suoi “tonnetti”
Aeroporti, Tar annulla bando per gestione Reggio e Crotone. L’Enac: “Faremo ricorso”
io autentico Vibo: all’associazione “Io autentico” il premio milanese di solidarietà
arance Agrumi della Piana di Gioia Tauro “di scena” a Melaverde
callipo_mensa_scuola Scuole, il Comune di Pizzo avvia allestimento di una cucina per il servizio mensa
pianorai Piano Rai: “Il Tg regionale della Calabria tra i migliori d’Italia”
boheme-puccini Catanzaro, la grande lirica al Politeama sabato con “La Boheme”
Pizzo, tutto pronto per il Natale ed anche il castello si veste a festa (FOTO)
Allarme tumori nel Vibonese, monitoraggio dell’Arpacal a San Calogero
vinicio capossela Musica, Vinicio Capossela in concerto: tappa doppia in Calabria
Tribunale Ecclesiastico Matrimoni in Calabria, crisi coniugali: diminuiscono i tempi della vita di coppia
Fisco, il ministero dell’Economia: “Aperte quasi 35mila nuove partite Iva, Calabria in testa”
pentito carcere In carcere 22 anni “per errore giudiziario”: risarcito dallo Stato con 6,5 milioni